TFA II ciclo 2014: Anief pronta a verificare il contenuto dei test preselettivi

Di
Stampa

Anief – Dopo il successo del sindacato che aveva impugnato i risultati delle prove preselettive del primo ciclo del tfa ordinario alla luce dei numerosi errori presenti nei quiz somministrati in tutte le classi concorsuali, e l’ammissione con riserva dei propri iscritti che avevano adito il Tar Lazio con ordinanze cautelari e decreto monocratico, contestando ben 17 violazioni relative all’art. 15, c. 1 del D.M. 249/2010.

Anief – Dopo il successo del sindacato che aveva impugnato i risultati delle prove preselettive del primo ciclo del tfa ordinario alla luce dei numerosi errori presenti nei quiz somministrati in tutte le classi concorsuali, e l’ammissione con riserva dei propri iscritti che avevano adito il Tar Lazio con ordinanze cautelari e decreto monocratico, contestando ben 17 violazioni relative all’art. 15, c. 1 del D.M. 249/2010.

Anief, invita tutti i partecipanti alle prove preselettive del secondo ciclo del Tfa ordinario a segnalare se ci sono stati errori, come sostengono tantissimi partecipanti, in modo da poter tutelare anche questa volta i candidati danneggiati e farli accedere alle prove successive.

Sono davvero numerose le segnalazioni che giungono sulle inesattezze presenti nei test a risposta multipla per accedere ai Tirocini Formativi Attivi.

Per questo Anief ha incaricato i suoi esperti di verificare l’esattezza delle domande e delle risposte somministrate in questi giorni a diverse decine di migliaia di candidati.

È possibile inviare segnalazioni sui quesiti verosimilmente errati, erronei o mal posti inviando una e-mail a [email protected] indicando nell’oggetto “segnalazioni errori TFA”.

Il sindacato valuterà caso per caso l’opportunità di adire le vie legali, ai fini del riconoscimento del diritto ad essere ammessi alle successive prove scritte e orali.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur