TFA 2014: test viziati da errori. Anief promette battaglia legale

Stampa

Per il test TFA ordinario 2014 l’Anief ha ricevuto più di 500 segnalazione inerenti diverse classi di concorso. L’analisi sui test convince il sindacato a richiedere l’ammissione alle prove scritte.

Per il test TFA ordinario 2014 l’Anief ha ricevuto più di 500 segnalazione inerenti diverse classi di concorso. L’analisi sui test convince il sindacato a richiedere l’ammissione alle prove scritte.

Secondo i formatori del sindacato – a fronte di pochi quesiti rivisti dal Miur e segnalati nella pagina dei risultati – sono 63 i quesiti errati per 13 classi di concorso e altri 6 accorpamenti.

Il Presidente dell’Anief, Marcello Pacifico ritiene che "è arrivato il momento di aprire un’inchiesta: bisogna far luce sulle modalità di affidamento delle prove preselettive."

L’Anief ritiene ci siano i presupposti per avviare il ricorso al TAR del Lazio per l’ammissione con riserva alle prove scritte successive dei ricorrenti, come già avvenuto per il primo ciclo abilitante.

In particolare, da una prima verifica sono diversi gli errori riscontrati per le classi concorsuali A017, 18, 21, 25, 37, 38, 39, 47, 49, 51, 52, 59, 61, 71.

E anche per la selezione negli accorpamenti disciplinari 23-28, 6 e 71, 20, 3, 6 e 7 risultano fondate contestazioni. Inoltre, nei prossimi giorni gli esperti del
sindacato continueranno le opportune verifiche per le altre classi concorsuali.

Sul primo ciclo sono stati diversi i candidati che ricorrendo con il sindacato hanno poi superato l’esame finale abilitante pur essendo stati bocciati a delle prove preselettive di cui hanno dimostrato l’erroneità nella loro formulazione. Pertanto, ancora una volta l’Anief ha deciso di adire le vie legali per garantire la tutela a quei candidati che non sono stati valutati correttamente.

C’è tempo fino al 22 agosto per ricorrere. Anief, una volta ricevuta la documentazione, valuterà caso per caso l’opportunitàdi adire le vie legali, ai fini del riconoscimento del diritto ad essere ammessi alle successive prove scritte e orali. Le lezioni partiranno nel mese di novembre 2014 e proseguiranno nel corso del prossimo anno scolastico.

Qualora vi siano i presupposti giuridici, l’obiettivo del ricorso è richiedere un provvedimento cautelare entro fine settembre: per informazioni e adesioni, viene messo a disposizione il seguente link

Stampa