Test sierologici docenti e Ata, l’appello di Giannelli (ANP): “Fateli, non c’è alcun rischio”

Stampa

“Molto importante che tutti nella scuola si sottopongano al test sierologico, non c’è alcun rischio ed è a tutela di tutta la comunità scolastica”.

Così all’Adnkronos Antonello Giannelli presidente dell’Associazione Nazionale Presidi in merito  alla bassissima percentuale di docenti che si stanno sottoponendo ai test sierologici.

“Si tratta di un’operazione di civiltà collettiva – spiega Giannelli – la scuola è una comunità ed è fatta di tanti piccoli gesti e questo è  una di quelli: ognuno deve fare qualcosa a tutela di tutti e il test è proprio una un qualcosa a tutela di tutti”.

“C’è da dire però che qualche regione manca di organizzazione – sottolinea Giannelli – ho ricevuto segnalazione di medici di famiglia  che non hanno ricevuto alcuna istruzione in materia dalle regioni.  Sembra che manchino anche coordinamento ed organizzazione nell’effettuare questi test”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur