Test sierologici docenti e Ata, in Sicilia si inizia con ritardo: i kit sono arrivati solo giovedì 27

Stampa

Partono con ritardo i test sierologici per oltre 100mila docenti e Ata che lavorano nel mondo della scuola in Sicilia.

Come si legge sul Giornale di Sicilia i kit per i test sierologici sono arrivati solo nella giornata di giovedì 27. Da oggi, venerdì 28 e fino al 14 settembre sarà una corsa contro il tempo per testare chi si sottoporrà allo screening (gratuito e volontario).

I test sierologici sul personale scolastico saranno eseguiti dai Medici di Medicina Generale.

Il personale scolastico dovrà, quindi, contattare telefonicamente il proprio Medico per programmare l’esecuzione dei test. Qualora si sia sprovvisti di MMG, il test ben potrà essere eseguito presso l’ASL (Dipartimento di Prevenzione) competente per territorio.

I MMG conferiranno all’ASL di afferenza gli esiti dei test eseguiti al personale scolastico, affinché questa proceda alla loro aggregazione per genere e fascia d’età e contestuale comunicazione alla Regione che, a sua volta, li trasmetterà all’ISS mediante un’apposita piattaforma informatica.

Qualora il docente risultasse positivo al test sierologico, questi sarà sottoposto al test molecolare (tampone) presso il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL, non oltre le 48 ore dall’esito (positivo) del test sierologico.

Nell’attesa dell’esito del test di biologia molecolare, il soggetto dovrà rimanere in isolamento domiciliare fiduciario.

Circolare Ministero della Salute del 7 agosto 2020

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur