Test salivari, Brusaferro: “Prima validarli e poi testarli. Al momento ISS non sta facendo queste valutazioni”. La scuola attende

WhatsApp
Telegram

Sui test salivari per la diagnosi di positività a SarsCov2, un cui utilizzo è stato ipotizzato anche per test a campione sugli studenti, “stanno emergendo nuove tecnologie e nuovi studi ed è molto importante, una volta avuta la disponibilità tecnologica, validarli e poi testarli sul campo per poter sfruttare al meglio le loro potenzialità. Su questo ci sono impegni importanti da parte di alcune Regioni”.

Lo ha detto in conferenza stampa al ministero della Salute il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro. 

In questo momento – ha precisato – l’Iss non sta facendo valutazioni di questo tipo ma sappiamo che ci sono contesti regionali dove si stanno facendo degli studi e si guarderanno con grande interesse“. 

Riapertura scuole, tamponi per tutti gli studenti ogni settimana fin dall’Infanzia: il piano per il rientro in classe

Vorremmo avere dei test salivari perchè il loro utilizzo è molto più agevole nel caso dei bambini, ma allo stesso tempo – ha concluso il direttore generale della Prevenzione del ministero Gianni Rezza – vogliamo essere sicuri sulle caratteristiche di questi test, cioè che abbiano una elevata sensibilità e specificità”.

Tamponi ogni settimana per gli studenti, Miozzo risponde: “Mai pensato di fare 8 milioni di test tutti i lunedì mattina”

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO