Test Educazione civica per studenti, ma disciplina mai trattata. Apidge: “Protesta sacrosanta, la confusione regna”

WhatsApp
Telegram

Comunicato Apidge – “Una protesta sacrosanta, coraggiosa, da parte di studenti che hanno svelato la grande confusione che regna nelle scuole, costrette a inventarsi percorsi didattici trasversali”.

Così, Ezio Sina, presidente di Apidge, Associazione professionale degli insegnanti di discipline giuridiche ed economiche, commenta la protesta degli studenti del liceo classico Mariotti, di Perugia, chiamati a svolgere un test di educazione
civica, per la valutazione finale, per giunta in orario extra – scolastico, senza che la disciplina sia mai stata trattata.

I ragazzi, secondo il sindacato studentesco Altrascuola, nel primo quadrimestre sarebbero stati valutati “arbitrariamente in base alla media delle altre materie”. E il problema pare si stia riproponendo adesso, con l’anno scolastico in dirittura d’arrivo. “Un fallimento che spesso evidenzia l’improvvisazione organizzativa mascherata da autonomia e rivela i tanti ipocriti e inutili accostamenti disciplinari che difficilmente vengono a galla”, conclude Sina.

WhatsApp
Telegram

Preparazione concorsi scuola: news webinar Infanzia e Primaria! Prepara anche Secondaria e DSGA