Test di accesso a Medicina, approvata risoluzione in Commissione Istruzione. Si inizia alle superiori. Le novità previste

WhatsApp
Telegram

La facoltà di Medicina e le altre facoltà a numero chiuso cambiano parametri d’accesso. La Commissione Istruzione della Camera ha approvato infatti la risoluzione che prevede nuovi test e iniziative «per garantire un incremento congruo, pari o superiore al 10 per cento del numero delle ammissioni ai corsi a Medicina» che passerebbero da 14.500 a oltre 15 mila già a partire dal 2022 e in modo più deciso nel 2023.

Si tratta delle riforma annunciata dalla Ministra dell’Università Cristina Messa: “Resta il numero programmato ma non sarà più un quiz, bensì un vero e proprio percorso, che può cominciare già al quarto anno delle scuole superiori, con corsi online gratuiti preparati dalle Università e prove di autovalutazione. E il test si potrà ripetere più volte per poter poi usare il punteggio migliore“, spiegava pochi giorni fa la Ministra.

Il test di settembre 2022 – precisa Messa – sarà ancora molto simile a quello degli anni scorsi. Sarà in presenza e cartaceo, ma con alcuni aggiustamenti. Sarà ridimensionata la parte delle domande di cultura generale, restano quelle di ragionamento logico e poi il resto sarà disciplinare. Dal prossimo maggio gli Atenei forniranno materiale online per le esercitazioni che potrà essere scaricato gratuitamente dagli studenti per prepararsi. E ad agosto ci saranno veri e propri corsi di preparazione, sempre online e gratuiti, curati dalle università. Chi vuole potrà fare anche un test di autovalutazione, il cui risultato resterà soltanto a disposizione dello studente stesso“.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur