Tesoreria Unica nelle scuole: arriva la circolare della Ragioneria. FLCGIL: un colpo all’autonomia

di
ipsef

red – Il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato con la Circolare n. 32 del 31 ottobre 2012 prot. n. 0088259 ha dato applicazione a quanto predisposto dalla Spending review relativamente

red – Il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato con la Circolare n. 32 del 31 ottobre 2012 prot. n. 0088259 ha dato applicazione a quanto predisposto dalla Spending review relativamente

In questi giorni si attuerà una profonda rivoluzione nella gestione dei fondi delle scuole. Essi infatti erano gestiti da ogni scuola attraverso un proprio conto corrente bancario. Tutto ciò sta per sparire.

Dopo la Spending reviews tutte le liquidità saranno versate su un conto della Banca d’Italia, comprese le giacenze di cassa derivanti da fondi privati.

In un secondo momento i vari rivoli dei finanziamenti, da quelli statali a quelli regionali e degli enti locali, saranno versati su sottoconti infruttiveri, mentre i contributi privati e da gestioni economiche, come convitti e aziende agricole, saranno versati in sottoconti fruttiferi.

Una procedura farraginosa, come per i pagamenti. La FLCGIL denuncia la laboriosità di alcuni pagamenti tramite girofondi tra conti di tesoreria, invece del più pratico bonifico.

Cosa non va?

Ad assumere una posizione di contrasto è la FLCGIL che denuncia un colpo alla gestione autonoma dei fondi da parte delle scuole, che è un ennesimo un colpo all’autonomia scolastica. Un cambiamento che se fa risparmiare lo Stato fa spendere di più alle scuole, poichè la tenuta dei conti presso gli istituti cassieri non sarà più a titolo gratuito, come fino ad oggi avvenuto, ma oneroso: superano i 3.000 euro annui, secondo il sindacato.

Scarica la circolare

Versione stampabile
anief anief
soloformazione