Concorso 2018, dopo ammissione a 3° anno FIT cancellazione da tutte le graduatorie. Si rischiano licenziamenti facili

Stampa

Nei giorni scorsi, abbiamo pubblicato in anteprima la bozza di decreto sul terzo anno del percorso FIT con le relative osservazioni del CSPI.

FIT terzo anno: quali attività di docenza saranno svolte, come si verrà valutati. Il progetto ricerca-azione. La bozza del Decreto in anteprima

Il reclutamento tramite fit prevede licenziamenti facili. Così spiega Italia Oggi la norma più controversa dei nuovi concorsi 2018, il primo dei quali sarà pubblicato a giorni, permetterà agli abilitati di accedere direttamente al 3° anno di FIT (percorso di formazione e tirocinio).

Il decreto, come apprendiamo da fonti sindacali, è stato riscritto dopo il parere del CSPI.

Una delle osservazione mosse dal CSPI riguardava la cancellazione degli aspiranti docenti da tutte le graduatorie di inclusione (GaE, GI e GM) dopo l’ammissione al terzo anno FIT o percorso annuale FIT ( quest’ultimo per i docenti abilitati cui è riservata la procedura concorsuale per soli titoli e colloquio). Il CSPI ha indicato che la predetta cancellazione dovesse avvenire solo dopo l’immissione in ruolo e non in seguito all’ammissione al percorso.

Nel nuovo testo sembrerebbe che il Miur non abbia tenuto conto di quanto indicato dal CSPI, per cui la cancellazione da tutte le graduatorie di inclusione dovrebbe avvenire, come già previsto, al momento dell’ammissione al FIT.

FIT terzo anno: quali attività di docenza saranno svolte, come si verrà valutati. Il progetto ricerca-azione. La bozza del Decreto in anteprima

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese