Anief: terzo anno con record di precari, basterebbe allargare assunzioni a GPS. Ecco come. Manifestazione a Roma il 30 agosto

WhatsApp
Telegram

Anief – Sulla copertura delle oltre 200mila cattedre scoperte, il ministro dell’Istruzione dispensa tranquillità ma non convince nessuno. Invece di spiegare come mai i tre quarti di quei posti continueranno ad andare a supplenza, Patrizio Bianchi si sofferma sulle dimezzate immissioni in ruolo del 2021 (meno di 60mila su 112mila autorizzate), sulle procedure concorsuali in corso che però in gran numero non sono state concluse e quindi non potranno incidere sulle attuali stabilizzazioni e sui 70 mila docenti da assumere entro il 2024.

A sottolinearlo è il sindacato Anief, che denuncia l’incapacità anche dell’attuale Governo di stabilizzare il personale scolastico lasciando in vita una quantità impressionante di cattedre senza titolare: anche quest’anno quei posti sono destinati per almeno il 50% a non essere assegnati e i contratti a tempi indeterminato si realizzeranno non certo con la celerità indicata dal Ministero, ma attraverso nomine che si protrarranno ben oltre l’inizio dell’anno scolastico.

“La verità – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – è che la scuola italiana è sempre più precaria: per il terzo consecutivo avremo il record di supplenze annuali, con più di 150mila contratti annuali a temine nonostante i concorsi straordinari. Per ridurre questi numeri impietosi, qualche possibilità vi sarebbe ancora: basterebbe integrare le graduatorie di merito con tutti gli idonei e assumere in ruolo delle Gps anche su disciplina comune”.

“Invece – continua Pacifico – rimane nel limbo il concorso abilitante bloccato da due anni, anche dopo il pagamento della tassa di partecipazione. E con la riforma PNRR andrà anche peggio, perché serviranno almeno tre anni per avere i vincitori dei nuovi concorsi e nella fase transitoria manca l’autorizzazione ad assumere dalle graduatorie di prima fascia su posti curricolari delle GPS, graduatorie per le supplenze, i cui elenchi saranno utilizzati per i ruoli soltanto per i posti di sostegno. Ecco perché sarebbe per Anief necessario procedere quindi anche dalla seconda fascia, con la conferma nei ruoli dopo il conseguimento dell’abilitazione universitaria. Anche per questo motivo manifesteremo il 30 agosto a Roma”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur