Terremoto Marche, le scuole possono ricorrere alla Dad. Nota Usr

WhatsApp
Telegram

A seguito del sisma che ha colpito il territorio delle Marche lo scorso 9 novembre, alcune scuole sono state chiuse. L’Ufficio scolastico regionale è intervenuto con una nota del 12 novembre per dare il via libero alla didattica a distanza nei casi in cui non sia possibile proseguire le lezioni in presenza.

Ricordando il sisma, l’Usr sottolinea che “si è reso necessario, da parte delle Amministrazioni locali e delle Autorità competenti, adottare provvedimenti incidenti sul servizio d’Istruzione. Laddove predetti provvedimenti precludano l’utilizzo di plessi scolastici o parti di essi, si invitano le SS.LL. ad assumere, nell’ambito dell’autonomia didattica e funzionale attribuita alle Istituzioni scolastiche, ogni azione utile a garantire il diritto all’Istruzione di tutti gli alunni di ogni ordine e grado”.

Per questo “si rappresenta l’opportunità, tra l’altro, dell’utilizzo delle tecnologie digitali nelle forme concertate nell’ambito della Comunità Scolastica“.

Nei giorni scorsi il direttore dell’Usr, Marco Ugo Filisetti, aveva spiegato che “le strutture risultano sostanzialmente agibili, salvo qualche particolare situazione. Il Ministro ha seguito tramite l’Usr sin dal primo mattino l’evolversi della situazione. Abbiamo anche ricevuto le prime richieste di risorse finanziarie per ripristinare seppure con manutenzioni ordinarie le realtà che hanno bisogno di qualche piccolo intervento”. 

Nella nota si rimanda al D.M. 89/2020 “Linee guida sulla Didattica digitale integrata” sia al “Piano Scuola 4.0”.

NOTA

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur