Terremoto in Turchia, stop all’attività didattica anche in alcuni comuni del Napoletano

WhatsApp
Telegram

Un terremoto di grado 7,9 ha scosso la Turchia, nella notte. L’epicentro della serie di scosse si trova vicino alla città di Gaziantep.

Milioni di persone lo hanno avvertito anche in Siria, Libano, Israele. I morti sono già centinaia, non solo in Turchia ma anche nella confinante Siria. Il conteggio delle vittime continua a salire.

In Italia è scattato un allarme tsunami, poi ridimensionato e infine revocato, alle 7.30, dalla Protezione civile. A causa dell’allerta, la circolazione dei treni nelle regioni del Sud è stata sospesa per circa un’ora, ed è poi ripresa poco prima delle 8.

Intanto il governo turco ha deciso che tutte le scuole nelle aree colpite (almeno 10 province) rimarranno chiuse per una settimana.

Scuole chiuse in alcuni comuni nel napoletano a seguito di un’allerta maremoto sulle coste italiane

“A seguito di un’allerta meteo rosso per possibile maremoto, comunicato a mezzo telefono dalla Prefettura di Napoli alle ore 6,15 del 6 febbraio 2023, a Portici sono chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado per il giorno lunedì 6 febbraio 2023. L’avviso è pubblicato sul sito del Comune di Portici. Seguirà ordinanza sindacale”, rende noto il sindaco di Portici Enzo Cuomo via Facebook.

Sempre sui social è arrivata la comunicazione del Comune di Forio d’Ischia: “Si avvisa la cittadinanza che a seguito dell’evento sismico avvenuto in Turchia e l’allerta per possibile maremoto sulle coste italiane emanata dal dipartimento di protezione civile, le scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio di Forio sono chiuse per la giornata di oggi, 6 febbraio 2023”.

Anche il sindaco di Barano ha comunicato la decisione di chiudere le scuole: “A seguito del terremoto in Turchia, la Protezione civile ha lanciato un’allerta di possibile maremoto sulle coste italiane. Pertanto, in via prudenziale, relativamente al nostro comune sono stati adottati i seguenti provvedimenti per la giornata di oggi, lunedì 6 febbraio 2023: chiusura delle scuole di ogni ordine e grado; chiusura del cimitero comunale; invito alla popolazione a limitare gli spostamenti a quelli strettamente indispensabili, evitando soprattutto le zone costiere”.

L’Italia a fianco della Turchia

“Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, segue costantemente, aggiornata dal Dipartimento della Protezione Civile, gli sviluppi del devastante terremoto che ha colpito la Turchia, al confine con la Siria . Esprime vicinanza e solidarietà alle popolazioni colpite. La Protezione Civile italiana ha già fornito la propria disponibilità per contribuire al primo soccorso”. È quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

“Stiamo lavorando per fornire la disponibilità dei nostri team con il Corpo nazionale del Vigili del fuoco ad intervenire. Abbiamo, attivati dal meccanismo europeo, dato la nostra disponibilità. Attendiamo di verificare se queste squadre vengono accettate. Il meccanismo funziona così: c’è il paese che richiede, in questo caso la Turchia. Altri paesi che offrono, tra cui l’Italia. E poi la Turchia deciderà, in funzione della vicinanza e di altri parametri, chi accettare”. Lo ha detto Fabrizio Curcio, Capo dipartimento della Protezione civile poco fa su ‘Rai Radio1’ all’interno dello Speciale ‘Gr1’ dedicato al terremoto in Turchia e Siria.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri