Terremoto ai Campi Flegrei, magnitudo 3.2: studenti escono dalle aule spaventati

WhatsApp
Telegram

I residenti dei Campi Flegrei, compresa l’area di Pozzuoli e le zone limitrofe, sono stati svegliati da un nuovo terremoto di magnitudo 3.2.

Il sisma è stato distintamente percepito in tutta la caldera, da Pozzuoli a Bacoli e Quarto, e ha avuto un punto di origine a una profondità di 3 chilometri al largo della costa flegrea. La scossa ha suscitato paura soprattutto nelle istituzioni scolastiche. Molti studenti di Pozzuoli si sono precipitati all’esterno delle aule, segno tangibile dell’ansia che pervade la comunità.

Le scosse sismiche si sono susseguite a ritmo costante dalla mattina, segnalando chiaramente un’attività sismica in aumento. Negli ultimi mesi, i Campi Flegrei sono diventati terreno di frequenti terremoti, attribuiti a una nuova fase di sollevamento del suolo dovuta al fenomeno del bradisismo, attivo ormai da quasi due decenni.

Josi della Ragione, sindaco di Bacoli, ha richiamato alla calma la popolazione, sottolineando l’assenza di danni a persone o cose e l’importanza di evitare allarmismi. “Sono in costante contatto con l’Osservatorio Vesuviano, con la Prefettura di Napoli, ed i colleghi sindaci”, ha dichiarato, assicurando che terrà la comunità costantemente informata.

WhatsApp
Telegram

Concorso Insegnanti di Religione Cattolica. Scegli il corso specifico di Eurosofia con esempi di unità didattiche. Guarda la demo