Termosifoni o bagni guasti, alcune scuole attivano le lezioni a distanza ma i sindacati protestano: “Dad prevista solo per motivi legati al covid”

WhatsApp
Telegram

La didattica digitale è stata sdoganata a livello nazionale a causa del covid. La Dad o la DDI restano degli strumenti legati alla situazione emergenziale dovuta alla pandemia. Tuttavia, non mancano i casi in cui le scuole decidono di adottare le lezioni online anche al verificarsi di problemi interni alla scuola, come guasti ai termosifoni o ai servizi igienici. Azioni puntualmente criticate dai sindacati che ricordano le regole stabilite per la didattica digitale integrata.

Nelle settimane passate, non solo il numero di contagi elevato ma anche problemi come le aule fredde sono stati motivi di attivazione della Dad.

La morsa del freddo ha interessato diverse regioni del Paese e le scuole, in alcune circostanze, per evitare di perdere giorni preziosi di lezione ha deciso di lasciare a casa gli studenti e farli seguire al pc.

Stesso discorso è stato applicato anche in caso di altri disservizi a scuola che hanno avuto tempi di risoluzione più lunghi del previsto, come ad esempio guasti ai servizi igienici.

Atteggiamento che però, come già accennato, viene puntualmente criticato dal sindacato.

L’ultimo in ordine temporale è la Gilda degli insegnanti, che ha diffidato un istituto in Puglia. La scuola ha infatti deciso di utilizzare la Dad a causa del malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento: “La DAD si attiva solo per necessità legate alla pandemia e non per situazioni straordinarie come il malfunzionamento dei termosifoni. I Dirigenti scolastici che attivano la dad in queste circostanze assumono un atteggiamento che a lungo andare potrebbe deresponsabilizzare gli enti locali dal dovere di manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili scolastici, cosa deplorevole!  Ci si rende complici del disinteresse nei confronti della scuola!“, scrive il sindacato guidato da Rino Di Meglio a proposito del caso in questione.

Le organizzazioni sindacali, dunque, ribadiscono che il ricorso alla DDI o DAD deve essere legato all’emergenza sanitaria e che, al momento, né il CCNI né le linee guida DDI, prevedono questa modalità come sostitutiva delle lezioni in presenza.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur