Tempo pieno. Altomonte: in Sicilia molte donne non lavorano, per questo le famiglie non lo chiedono

di redazione
ipsef

Il tempo pieno nelle scuole, com’è noto, è maggiormente diffuso nelle scuole del Nord, mentre non riesce a decollare al Sud, come testimoniano i recenti dati sulla diffusione della mensa scolastica.

Save the Children: il 48% degli alunni ancora non ha accesso al servizio mensa

Più volte è stato sollevato il problema, attribuendone spesso la causa al Ministero e ai tagli agli organici. Ma è veramente così? O ci sono altre motivazioni che impediscono la diffusione del tempo pieno nelle scuole del Sud?

Una risposta arriva oggi dal direttore dell’USR Sicilia, Maria Luisa Altomonte, che è intervenuto sulla questione rilasciando un’intervista al Giornale di Sicilia.

L’Altomonte ha evidenziato che l’aumento del tempo pieno sarebbe auspicabile sia per combattere la dispersione scolastica che per incrementare la disponibilità di posti.

Il problema però non è nella mancanza di risorse ma nelle esigenze delle famiglie meno intenzionate, rispetto a quelle del Nord, a richiedere il tempo pieno. Perché? Secondo il direttore dell’USR la causa sta nel fatto che molte donne lavorano, per cui non hanno l’esigenza di mantenere i figli a scuola.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione