Tempo pieno, al via la sperimentazione nelle scuole siciliane

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sul tempo pieno nelle scuole, in Sicilia, si procede a passi accelerati. Sta per partire la sperimentazione sul prolungamento dell’orario scolastico.

L’accordo sul tempo pieno era stato raggiunto e siglato già da settembre, nell’incontro ufficiale fra il ministro dell’Istruzione, Bussetti, e la Regione Sicilia. Prevede l’attivazione progressiva e in via sperimentale nelle scuole della Sicilia a partire dal secondo quadrimestre, cioè adesso.

Le parole dell’assessore Lagalla

A ricordare l’avvio imminente di questa iniziativa è stato l’assessore regionale all’Istruzione, Lagalla, nella rubrica “Bar Sicilia” de IlSicilia.it.

“Abbiamo raggiunto l’accordo quadro con il ministero – ha detto Lagalla – sull’attivazione progressiva del ‘tempo pieno in Sicilia’ che partirà in via sperimentale dal secondo quadrimestre in alcune aree degradate;stiamo affrontando prioritariamente anche i temi dell’edilizia scolastica e della riqualificazione e sicurezza degli edifici che ospitano strutture scolastiche. Per quanto riguarda il tema della formazione, il lavoro svolto dall’assessorato ha spento il fuoco delle proteste che in passato era all’ordine del giorno. Questo, grazie a un rapporto costruttivo che abbiamo recuperato con tutte le parti in causa: abbiamo innestato elementi di novità e abbiamo cercato – riuscendoci – di rimettere in campo le attività sulla base di regole nuove”.

Che cosa aveva detto Bussetti

Grazie a questa intesa – aveva affermato il Ministro alla presentazione dell’accordo – potremo concretamente dare il via alla maggiore diffusione del tempo pieno, al potenziamento dell’offerta formativa e ad una più forte collaborazione tra scuola e famiglia La Sicilia diventerà laboratorio del Sud Italia, protagonista di un progetto di cui sono orgoglioso. Gli studenti siciliani avranno la possibilità di vivere la scuola come una seconda casa, sviluppando un senso di appartenenza e di fiducia verso questa istituzione.”

L’obiettivo del tempo prolungato in Sicilia contribuirà, come aveva affermato lo stesso Bussetti, a potenziare l’offerta formativa relativa alle discipline curriculari di base, tecnico professionali e di lingue straniere, anche attraverso l’apertura pomeridiana delle scuole del primo e secondo ciclo e la creazione di sportelli di ascolto e orientamento scolastico e professionale.

Legge di bilancio, 2mila assunzioni per il tempo pieno

Come già ricordato da Orizzonte scuola, la Legge di Bilancio prevede che entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore del testo, bisognerà stabilire le modalità per la graduatoria del tempo pieno nella scuola primaria.

L’aumento di organico previsto sarà di 2mila posti.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione