Telefoni cellulari vietati in classe: creano disturbo

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Niente telefonino, siamo in classe. Una scuola di Pavia ha vietato l’uso dei cellulari nelle aule.

I telefoni sono raccolti dal professore della prima ora di lezione, riposti in uno zaino e sono restituiti agli alunni dal professore dell’ultima ora.

A darne notizia è l’Ansa che rilancia un articolo pubblicato sulla Provincia Pavese. Non si tratta, tuttavia, del primo caso di scuola “free-phone”. Una scuola di Piacenza ha trovato una soluzione analoga, sebbene più articolata: si è rivolta a una società americana che fabbrica un contenitore in grado di schermare la connessione, mettendo fuori campo il dispositivo.

La norma generale – spiega la dirigente scolastica  della scuola di Pavia – vieta l’uso dei cellulari, ma dice in sostanza che i ragazzi devono tenerli spenti e nello zaino. Una prescrizione troppo spesso disattesa. Inoltre, lo scorso anno ci sono state diverse segnalazioni di cellulari rubati o che sparivano“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione