Telecamere in tutte le scuole, Salvini “richieste anche da alcuni insegnanti”

Stampa

L’iter per l’approvazione della legge sulla installazione delle telecamere negli asili nido e nelle scuole di infanzia si concluderà a giugno. Ma l’obiettivo è quello di estendere il progetto anche agli altri gradi di scuola. 

In occasione della firma in Prefettura a Milano di un accordo tra il Viminale, la Regione Lombardia e l’Anci  sulla sicurezza integrata il Vicepremier e Ministro dell’Interno ha affermato  “Entro maggio approveremo in Senato la legge per installare le telecamere negli asili nido, nelle materne e nelle case di riposo per proteggere bimbi, anziani e disabili ed entro giugno faremo lo stesso alla Camera

e ha poi aggiuntoStiamo  riflettendo sulla possibilità di consentire l’installazione delle telecamere anche nelle scuole di grado superiore per tutelare i professori dagli adolescenti un po’ particolari e dai loro genitori. C’è arrivata qualche richiesta in questo senso dagli stessi professori

“Sulle telecamere – ha concluso Salvini – la Lombardia è arrivata prima”: il Consiglio regionale della Lombardia, con 57 voti favorevoli e  16 contrari, ha approvato infatti la legge che favorisce l’installazione di impianti di videosorveglianza nei nidi e nei micronidi.

Le telecamere potrebbero veramente essere richieste dai docenti durante lo svolgimento delle quotidiane lezioni in classe o potrebbero rappresentare l’ennesimo tentativo di sfiducia nei confronti della professione?

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!