Tavolo di confronto a Milano tra docenti e studenti per parlare dell’ansia scolastica

WhatsApp
Telegram

La pandemia ha lasciato un impatto profondo sul benessere emotivo degli adolescenti. Le misure di contenimento hanno notevolmente modificato la loro routine scolastica, costringendoli all’isolamento, a studiare davanti a uno schermo e a stabilire relazioni solamente attraverso la rete.

Sul sito specializzato Redattore Sociale si parla del Progetto Itaca, nell’ambito della Civil Week: si tratta di un momento di riflessione sul difficile rapporto tra i giovani e la scuola, un luogo dove spesso prevale l’ansia e la frustrazione a discapito dell’accoglienza e della crescita emotiva e intellettuale.

Durante l’incontro, tre studenti e tre insegnanti di diversi istituti superiori milanesi, guidati dalla psicologa clinica Chiara Maiuri, hanno condiviso il proprio punto di vista sulle tensioni e le paure che si vivono quotidianamente tra studenti e professori.

Secondo gli studenti, la pandemia ha evidenziato fragilità preesistenti. Molti loro compagni, durante il periodo di didattica a distanza (DAD), hanno cambiato o abbandonato gli studi a causa dell’impossibilità di sostenere un carico così pesante di studio e stress. Gli studenti hanno espresso la difficoltà di dialogare con i propri docenti riguardo al loro disagio: spesso, i professori appaiono sordi alle loro problematiche, richieste e proposte.

I ragazzi desiderano condividere il proprio punto di vista e avere uno spazio di dialogo con i docenti, dai quali cercano una guida oltre che un insegnante. La DAD, purtroppo, ha ulteriormente allontanato studenti e professori, complicando un rapporto già difficile in precedenza.

Le fragilità espresse dagli studenti sono condivise anche dagli insegnanti. La pandemia ha fatto emergere problematiche preesistenti e l’aumento di ragazzi in difficoltà nelle classi dimostra quanto si sia acuita la situazione. L’assenza di dialogo è percepita anche dagli insegnanti, che vedono gli studenti come avversari anziché collaboratori verso un obiettivo comune. Per i docenti, una delle principali difficoltà che gli studenti affrontano a scuola è la competizione, alimentata dalla società odierna che richiede costante performance e successo, generando stress.

Il voto è stato identificato come fonte di ansie e preoccupazioni sia per gli studenti che per i professori. Le valutazioni non sono mai complete e il sistema di valutazione sottrattivo non valorizza le potenzialità e le capacità degli studenti. Insegnanti e studenti auspicano una valutazione formativa nuova, basata su un’esperienza scolastica più ampia e non solo su regole rigide e dottrinali.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia: un nuovo corso intensivo a cura della Dott.ssa Evelina Chiocca: “Il documento del 15 maggio, l’esame di Stato e le prove equipollenti”