Tavoli tecnici: riprendono al MIUR gli incontri sugli organici ATA

di redazione
ipsef

FLCGIL – I temi affrontati: migliore distribuzione e utilizzo delle figure esistenti. Prossimo incontro il 20 febbraio per trattare il tema delle tabelle di organico.

FLCGIL – I temi affrontati: migliore distribuzione e utilizzo delle figure esistenti. Prossimo incontro il 20 febbraio per trattare il tema delle tabelle di organico.

Oggi 6 febbraio 2014 si è svolto l’incontro al MIUR del tavolo tecnico sugli organici del personale ATA. Nell’ultimo tavolo di novembre avevamo chiesto al Ministero di fornirci, oltre ai dati sui punti di erogazione del servizio, sul numero dei laboratori esistenti, anche altri dati, quali l’addensamento degli alunni con disabilità, il numero delle scuole che si avvalgono di collaborazioni plurime o ditte esterne per l’assistenza tecnica, per parametrare più dettagliatamente la situazione.

Il Ministero ci ha informati che mancano, in alcuni casi, dati ufficiali in quanto i monitoraggi fatti sono facoltativi da parte delle scuole, quindi, questo non consente di avere la completezza degli elementi di raffronto.

L’Amministrazione ha confermato che il tavolo, essendo "tecnico", non potrà affrontare questioni che comportano cambiamenti di normative sugli organici e il limite resta sempre quello dell’invarianza di spesa. Questo però non ci impedisce di formulare proposte che possono essere poi gestite da un diverso tavolo di contrattazione o nelle sedi politiche di competenza.

La FLC CGIL ha ribadito che ogni anno, la carenza di figure su tutti i profili obbliga il Ministero ad autorizzare quote in organico di fatto (circa 3.000 posti), in aggiunta a quelle di diritto, per assicurare il regolare funzionamento delle scuole e garantire il mantenimento dei livelli essenziali nelle prestazioni dei servizi scolastici, per cui è essenziale stabilizzare in organico di diritto tutti i posti, giacché sono un dato storicizzato e quest’operazione è a costo zero. Abbiamo, intanto, proposto una più vantaggiosa ridistribuzione delle figure esistenti, partendo dai bisogni emergenti in ciascuna tipologia di scuola. Passare, quindi, dal concetto d’invarianza numerica degli attuali organici al concetto d’invarianza di spesa, per assicurare un migliore utilizzo del personale e accrescere la qualità del servizio.

Abbiamo, infine, sollecitato il Ministero ad andare avanti puntualizzando delle proposte e avviare un confronto più dettagliato.

Il prossimo incontro è stato fissato per giovedì 20 febbraio alle ore 11.00 per approfondire il tema delle tabelle di organico.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare