Tasso Roma, scuola occupata: 6 in condotta

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sarà 6 il voto in condotta per gli studenti che hanno promosso ed aderito all’occupazione del liceo Tasso di Roma avvenuta nei giorni scorso.

6 in condotta al primo quadrimestre

A darne notizia l’ANSA che riporta le parole del dirigente scolastico che ha commentato dicendo che si tratta di un voto simbolico per il primo quadrimestre, che segue ad un altro gesto simbolico, ovvero l’autodenunciarsi “per prendersi le proprie responsabilità”.

Gli studenti che si sono dichiarati “autoccupanti” sono stati 200, al momento che rischiano di ritrovarsi il 6 in condotta, se i consigli di classe voteranno la proposta.

“Il 6 in condotta peraltro è simbolico – ha detto il dirigente – e riferito al solo primo trimestre. Molti ragazzi hanno dato il loro nome, con lealtà, ed è stato davvero apprezzato. Chi non vuole, non lo dà”.

Secondo il dirigente, l’occupazione è “una forma di protesta antidemocratica che trasforma la scuola da luogo di tutti a luogo solo di alcuni”.

Ex studenti criticano

Alcuni ex studenti hanno, però, chiesto al dirigente di fare un passo indietro. Ecco cosa scrivono in una lettera.

“Apprendiamo che l’attuale preside del nostro ex liceo ha chiesto agli studenti che hanno partecipato all’occupazione di autodenunciarsi per poi essere puniti con un 6 in condotta. Gli chiediamo di recedere da questa iniziativa. Non è con le intimidazioni e con l’imposizione di punizioni che si promuove un’assunzione di responsabilità di ragazze e ragazzi. Al contrario. Crediamo che la partecipazione politica e la stessa azione conflittuale sia parte della crescita civile e personale. Organizzare un’occupazione, battersi per la pace, contro il razzismo o contro una riforma della scuola che si considera sbagliata … può significare iniziare a informarsi, leggere, discutere con altri, farsi una propria opinione, assumersi la responsabilità di un punto di vista. È un’esperienza che ha fatto crescere molte e molti di noi e si è rivelata una risorsa nella nostra vita adulta”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione