Tassa su merendine, Fioramonti: ci sono lobby contrarie

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Le lobby vogliono impedire la tassa sulle merendine che ho proposto”.

Lo dice Lorenzo Fioramonti, ministro dell’Istruzione, in una intervista a The Post Internazionale.

“Vorrei ricordare a tutti gli improvvisati lobbisti della Coca Cola company che bibite zuccherine e gasate contribuiscono in maniera decisiva alla diffusione di tante malattie endocrino-metaboliche, a partire dal diabete”, sottolinea Fioramonti.

“Io non voglio colpire la Coca Cola o Mecca Cola o la Spuma perché ho qualcosa contro quel prodotto”, chiarisce il ministro: “Io dico, segnaliamo al grande pubblico che una bibita che contiene 7 cucchiaini di zucchero in una confezione è una bomba calorica.

Se poi faranno una Mecca Cola light ben venga”. “Quando in questo paese sfiori interessi economici importanti – continua Fioramonti – è evidente che si scateni una reazione. Io non sono condizionato né condizionabile da altri interessi che non siano il bene pubblico”, conclude.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione