Aumento stipendio insegnanti con tassa merendine e voli aerei, frenata dal Governo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Frena la proposta di Fioramonti di tassare merendine e voli aerei per reperire i tre miliardi di euro promessi per finanziare la scuola, con l’aumento degli stipendi.

Non concorda Luigi Di Maio, ministro degli Esteri, e è non d’accordo Paola De Micheli, ministro per le Infrastrutture, con la tassa proposta da Lorenzo Fioramonti su merendine, bibite e voli aerei.

Sono in corso di approfondimento diverse modalità per ridurre le emissioni inquinanti, nella consapevolezza che non si dovrà produrre un aumento di costi per i passeggeri” spiega De Micheli, sostenendo che vadano trovate le risorse per un green new deal senza tuttavia aumentare le tasse sui voli.

Queste tasse erano state proposte dal Ministro Fioramonti per finanziare un aumento di almeno 100 euro netti al mese per gli insegnanti. 

Se le risorse non verranno individuate così – afferma Fioramonti  – spetterà al Ministero dell’Economia trovare i canali più adatti per reperirle.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione