Il Tar di Palermo annulla il test di Medicina “Anonimato violato”. Rischio caos in tutti gli atenei

di Lalla
ipsef

ANDU UniMe – Riammessi 6 studenti. Rischio caos in tutta Italia: la procedura di identificazione usata seguiva una circolare del Miur Va avanti, a tappe forzate, il disegno scellerato della distruzione dell’Università pubblica.

ANDU UniMe – Riammessi 6 studenti. Rischio caos in tutta Italia: la procedura di identificazione usata seguiva una circolare del Miur Va avanti, a tappe forzate, il disegno scellerato della distruzione dell’Università pubblica.

Non si creda che certi "errori" siano casuali ma ci si arrenda, finalmente, all’idea che essi sono tutti tasselli di un progetto architettato per ammazzare il Sapere pubblico, distribuito nel Territorio, disponibile per chiunque, ricco o povero, voglia apprendere e migliorarsi.

Le campagne di stampa denigratorie dell’intero sistema universitario, la delegittimazione continua e continuata del Corpo docente nella sua interezza, le accuse indiscriminate di scarsa produttività, un sistema "premiale" che non premia ma punisce, il linguaggio burocratico-bancario che è stato imposto, manu militari, all’Accademia, il blocco degli stipendi e l’evaporazione di (fino ad oggi) quattro anni di lavoro, la ministeriale delirante produzione di leggi, decreti, circolari sulla sostenibilità dei corsi e sul loro accreditamento, l’inutile violenza del numero chiuso, l’ignobile pasticcio delle abilitazioni, l’umiliazione della VQR, le rozze forche caudine delle mediane, i Rettori sovrani assoluti, i CdA nominati e non eletti, le centinaia di milioni di €uro sottratte alla Cultura a partire dalla legge 133/08, l’opacità sottomessa della CRUI: tutto va nella direzione della desertificazione.

E mentre i Poteri forti chiedono spazientiti ai loro Servi: "Parigi (l’Università, ndr) brucia?", il Paese, rassegnato, sembra non sapere, o volere, reagire.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione