Il Tar lazio ammette al concorso anche gli aspiranti docenti laureati e non abilitati. Salta tutto l’impianto del futuro reclutamento

di redazione
ipsef

red – Insomma, perchè fare il corso TFA se il Tar mi permette di accedere al concorso anche senza abilitazione? Se il Ministro non è riuscito ad aprire ai "giovani" attraverso il concorso a cattedra, riesce nell’impresa il Tar, che ammette al concorsone i laureati non abilitati

red – Insomma, perchè fare il corso TFA se il Tar mi permette di accedere al concorso anche senza abilitazione? Se il Ministro non è riuscito ad aprire ai "giovani" attraverso il concorso a cattedra, riesce nell’impresa il Tar, che ammette al concorsone i laureati non abilitati

I dati parlano chiaro, la media dell’età di quanti hanno presentato domanda per accedere al concorso è di quasi 40 anni, alla faccia dell’apertura ai "giovani" promessa dal Ministro. Un duro colpo era giunto dai vecchi laureati, ai quali è stato concesso di accedere senza abilitazione.

E i giovani non abilitati? Per loro la strada è stata preclusa, dal Ministero, non dal Tar che ha dichiarato illegittimo tale divieto ammettendo con riserva al concorso i laureati non abilitati.

Una mannaia su quello che sarà anche il futuro reclutamento, che nelle mire dell’attuale Governo, dovrà essere aperto soltanto ai docenti abilitati, attraverso un percorso che dalla formazione tramite TFA passi dal concorso per l’immissione in ruolo.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione