Il TAR della Toscana accoglie il ricorso di 40 famiglie per il sostegno negato ai loro figli diversamente abili

WhatsApp
Telegram

Cobas Scuola di Lucca e Pisa e il coordinamento insegnanti e genitori del comitato Scuola Pubblica Bene Comune della Provincia di Lucca hanno ottenuto dal TAR della Toscana un risarcimento per le ore di sostegno negate.

Cobas Scuola di Lucca e Pisa e il coordinamento insegnanti e genitori del comitato Scuola Pubblica Bene Comune della Provincia di Lucca hanno ottenuto dal TAR della Toscana un risarcimento per le ore di sostegno negate.

"Giustizia è fatta – dicono – Sono ben 40 le famiglie, in stragrande maggioranza residenti a Lucca e provincia, che hanno visto riconosciuto dal Tribunale amministrativo regionale della Toscana il diritto ad avere sin da subito le ore di sostegno negate per i loro figli diversamente abili nel corso del corrente anno scolastico. Non solo: come indennizzo per il ritardo con cui è arrivata la sentenza, il giudice ha altresì riconosciuto il diritto al risarcimento del danno per tutti gli alunni in relazione ai quali ha ordinato l’integrazione delle ore, nell’ordine di mille euro (da calcolare in proporzione alle ore mancanti rispetto al totale) per ogni mese di ritardo nella prestazione del sostegno previsto dalle richieste della scuola formalizzate nel Piano educativo d’istituto. Una prima ordinanza cautelare del 10 gennaio scorso aveva già dato una parziale risposta, sanando la situazione di 25 famiglie; la sentenza  del 5 maggio 2014 rende finalmente giustizia a tutte le famiglie ricorrenti".

"Il Tar Toscana ha confermato – prosegue la nota congiunta – in maniera inequivocabile che il diritto all’integrazione mediante le ore di sostegno dei disabili è un diritto soggettivo assoluto non condizionabile da vincoli economici o di organico, come aveva già riconosciuto la sentenza della Corte Costituzionale 26 febbraio 2010, numero 80. 40 famiglie, a cui sono da aggiungere altre 4 famiglie che dopo l’inoltro del ricorso collettivo (a novembre 2013) hanno ricevuto subito le ore mancanti direttamente dalle scuole di appartenenza, sono un numero eccezionale: si tratta di un record assoluto per la Toscana e, in proporzione all’estensione della provincia, di un record italiano. Inoltre, in caso di inerzia dell’Amministrazione, il Tar, come richiesto dall’avvocato Tavernese, ha già nominato il Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale della Toscana ed il capo dipartimento del Miur quali commissari ad acta incaricati di dare esecuzione all’ordinanza. La sentenza  dà ragione a quattro anni di battaglie che il Coordinamento insegnanti-genitori, i Cobas Scuola e le associazioni per i diritti dei disabili di Lucca e provincia conducono instancabilmente su questo terreno".

"Ma dobbiamo altresì amaramente notare – chiudono – che il complicato iter processuale e il ritardo con cui è arrivata la sentenza solamente in parte è stato dovuto al fisiologico sovraffollamento dei tribunali. La difficoltà più grande che chi ha lavorato a questa vera e propria impresa collettiva ha dovuto affrontare è stata l’ostruzionismo  messo in atto da diverse istituzioni scolastiche (poche hanno collaborato fattivamente, e a loro va tutto il nostro ringraziamento)  e dell’Ufficio per il  sostegno dell’Ambito Territoriale di Lucca dell’Usr Toscana con l’obiettivo di frenare l’azione legale delle famiglie e dei volontari che per tutto l’anno scolastico si sono sobbarcati la fatica, la spesa, le difficoltà, gli ostacoli di un’impresa che a volte è sembrata al di là delle possibilità. Solo grazie all’abnegazione del gruppo di lavoro, che è riuscito a tenere duro durante nove lunghi mesi di mobilitazione, insieme naturalmente alla pazienza (spesso messa a dura prova) e al sacrificio di tutte le famiglie (e soprattutto di quelle della famiglie della Garfagnana, vero e proprio zoccolo duro di tutta la vertenza), abbiamo potuto portare a casa a questo risultato. Ora la parola passa alle istituzioni, scolastiche e statali: davvero per avere giustizia dobbiamo arrivare a questi livelli? Dobbiamo veramente affidare ai tribunali il riconoscimento di un diritto fondamentale?, Il nostro obiettivo, qui e ora, è che venga riconosciuta la continuità della sentenza: sarebbe una presa in giro ancora più bruciante, non cambiando il quadro della disabilità, limitare il valore della sentenza solamente all’anno in corso, e costringendo in questo modo le famiglie alla trafila (e alla fatica) di un nuovo ricorso identico a quello appena vinto".

"In questi giorni le scuole e l’At di Lucca – chiudono sindacato e comitato – stanno definendo l’organico di diritto per il sostegno per il prossimo anno prevedendo nella migliore delle ipotesi il rapporto 1 a 2 tra disabili e docenti di sostegno, senza tener conto delle gravità. Questa procedura viola lo spirito e la lettera della sentenza della Corte Costituzionale. Già in sede di organico di diritto bisogna garantire il rapporto 1 a 1 per i disabili gravi e l’1 a 2 per gli altri! Inoltre, bisogna smetterla di violare la normativa sulla formazione delle classi, che in presenza di disabili prevede massimo 20 alunni per classe. Facciamo ricorsi per non fare più ricorsi: questo è il paradosso della nostra vertenza. Il nostro sogno è che non ci sia più bisogno di questo livello di contrapposizione, e che finalmente venga rispettato a monte, con l’assegnazione sin da subito, da parte degli organi preposti (singole scuole, Uffici scolastici provinciali e regionali, Ministero dell’istruzione) del giusto supporto del docente di sostegno per gli studenti diversamente abili: come andiamo richiedendo, inascoltati, da anni. Nell’attesa del giusto segnale un altro ricorso collettivo sta per partire: un numero ancora più alto di famiglie nelle province di Lucca e di Pisa ci ha contattato e sta cominciando a preparare i documenti. Vogliamo farlo partire prima possibile, in modo da avere dal Tar una sentenza in tempi utili, ma continueremo ad accogliere richieste ancora per qualche mese.  Per contatti mandare una mail a: [email protected]".

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur