Il Tar della Sicilia assegna tutte le ore curriculari a sostegno di un ragazzino down

Stampa

Red – Il Tribunale amministrativo regionale della Sicilia, in merito al caso della famiglia di un alunno con sindrome di Down a cui la scuola ha negato le ore di sostegno necessarie, ha deciso l’assegnazione di 32 ore settimanali di sostegno e risarcimento dei danni non patrimoniali nella misura di 1.000 euro per ogni mese di ritardo rispetto alla data di deposito del ricorso.

Red – Il Tribunale amministrativo regionale della Sicilia, in merito al caso della famiglia di un alunno con sindrome di Down a cui la scuola ha negato le ore di sostegno necessarie, ha deciso l’assegnazione di 32 ore settimanali di sostegno e risarcimento dei danni non patrimoniali nella misura di 1.000 euro per ogni mese di ritardo rispetto alla data di deposito del ricorso.

Interessante la motivazione della sentenza (2594/2012),che ribadisce la consolidata giurisprudenza costituzionale e di merito del diritto degli alunni con disabilità grave a ottenere il massimo possibile delle ore di sostegno, basandosi sulla sentenza 80/2010 della Corte Costituzionale, della Legge 296/1996, della Legge 122/2010 e della Legge 111/2011, oltre a numerose sentenze di diversi Tar:" "Relativamente alla colpa va rilevato che la determinazione oggetto di gravame è intervenuta malgrado l’esistenza di numerosissimi precedenti della sezione (del Tar Sicilia) sfavorevoli al ministero e all’ufficio scolastico, che, ciononostante, continuano, anno dopo anno scolastico, a reiterare provvedimenti all’evidenza non conformi alla normativa in matria di tutela di disabili".
 
In più c’è un invito alla famiglia a vigilare:""Va, però, considerato che la parte ricorrente (la famiglia) ha concorso parzialmente alla produzione del danno ritardando l’instaurazione della controversia".
 
Si invita inoltre il MIUR ad essere più rispettoso della normativa, imputandogli tutte le spese legali: "L’obbligo di corrispondere alla parte ricorrente tale somma va posto a carico del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, cui va imputata la responsabilità generale delle scelte gestionali poi attuate dalle articolazioni periferiche dell’amministrazione". 

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia