Tanti incontri in streaming per gli studenti dal 4 al 7 novembre RomeVideoGameLab, quest’anno dedicato a scienza e cambiamenti climatici

Stampa

RomeVideoGameLab, promosso da Istituto Luce Cinecittà, con tanti appuntamenti – tutti in streaming data l’emergenza sanitaria in corso – per ragazzi e non solo.

Scienza, fantascienza, videogiochi: ecco il focus di questa edizione davvero speciale di RomeVideoGameLab, il festival laboratorio dedicato agli applied games arrivato alla sua terza edizione.

Un fitto calendario di appuntamenti e un gran numero di lectio magistralis di scienziati ed esperti da seguire in streaming su una piattaforma dedicata.

Si comincia mercoledì 4 novembre alle ore 10.45 con I CAMBIAMENTI CLIMATICI: OSSERVAZIONI, CAUSE ED EFFETTI. Antonello Pasini, fisico, climatologo e ricercatore dell’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico – IIA del CNR e docente di fisica del clima presso l’Università Roma Tre, ci spiegherà perché il riscaldamento globale recente è molto diverso da quelli passati. Se sono state le attività umane a causare questi cambiamenti, possiamo anche porvi rimedio. Che fare in concreto?

Sempre mercoledì alle 12.15 INTELLIGENZA ARTIFICIALE. Dario Izzo, coordinatore scientifico del team Advanced Concepts, parlerà di tutti quei dispositivi che rendono la nostra vita più semplice, grazie all’Intelligenza Artificiale e dei quali temiamo che prendano il sopravvento. Ma il rischio reale del quale invece ci dobbiamo preoccupare è quello di chi controlla le macchine, ossia gli esseri umani.

Infine, alle 16.45 PREVEDERE, ISPIRARE, IMMAGINARE. IL RAPPORTO FRA SCIENZA E FANTASCIENZA. Marco Ferrari intervista Michele Bellone, giornalista scientifico e curatore editoriale della saggistica per Codice Edizioni, sul dialogo tra scienza e fantascienza. Pur avendo scopi diversi, entrambe costruiscono modelli descrittivi, fanno ipotesi e usano l’immaginazione, senza contare i tanti modi in cui si influenzano a vicenda.

Giovedì 5 novembre alle 10.30 Carlo Barbante, direttore Istituto Scienze Polari CNR condurrà SCRITTO NEL GHIACCIO – COSA NASCONDONO LE CALOTTE POLARI. Le carote di ghiaccio sono formidabili archivi ambientali che celano, tra i lori strati, la storia climatica del nostro pianeta e delle sue interazioni con l’uomo. Analizzando gli strati di ghiaccio, è possibile rilevare la presenza di composti inquinanti quali metalli pesanti, pesticidi o residui di combustione derivanti da attività umane e distribuiti a livello globale dalle correnti atmosferiche.

L’intero programma è consultabile su https://www.romevideogamelab.it/it/calendario-2/calendario-ita

Sarà possibile seguire gli appuntamenti completamente da remoto attraverso la piattaforma dedicata https://on-air.romevideogamelab.it/.

Stampa