Tamponi salivari molecolari, l’esempio delle scuole sentinella di Roma: “Così funzionano i ‘lecca-lecca’”

Stampa

Per i più giovani, da alcune settimane, è possibile realizzare lo screening tramite tamponi salivari molecolari. In alcune scuole di Roma,  vengono infatti distribuiti i tamponi salivari molecolari il cui utilizzo è stato autorizzato dal ministero della Salute.

“Il lecca-lecca ha a un’estremità una serie di spugnette che vanno tenute in bocca per due minuti circa dalla persona che deve fare il prelievo”, spiega a La Repubblica, Lorenzo Paglione, dirigente dell’Asl Roma 1.

“Il vantaggio di questi tamponi sta nell’autosomministrazione e nella facilità di raccolta del materiale, per cui non serve una formazione specifica – aggiunge Paglione –. Di contro, a volte la saliva estratta non è abbastanza e bisogna ripetere il prelievo”.

Al momento i tamponi salivari, almeno nel Lazio, vengono consegnati alle scuole direttamente dalle Asl. Dopo aver raccolto i prelievi nelle scuole, tutti i campioni vengono raccolti e portati nei laboratori attrezzati per poterli analizzare e controllare la presenza eventuale di Covid-19.

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata