Tamponi gratis, Giannelli (Anp): una scappatoia per docenti no vax, spreco di risorse e tempo. 100 mila quelli non vaccinati

Stampa

L’Anp non firma il protocollo di sicurezza “scritto in modo ambiguo” sul punto riguardante i tamponi, “e offre una scappatoia al personale no vax, che,
sulla carta, ogni due giorni, può fare il tampone gratis”. Lo dice Antonello Giannelli, presidente Anp, in un’intervista al Sole 24 ore.

E facendo un calcolo approssimativo, spiega Giannelli, “il personale scolastico, non solo no vax, che non può vaccinarsi (anche
per patologie) è intorno alle 100 mila unità.

Immaginando 3 tamponi a settimana – aggiunge- e le 33 settimane dell’anno scolastico, comporta una spesa di circa 100 milioni, più di un quarto dei 35o stanziati dal governo per l’avvio dell’anno scolastico”.

Immaginando poi un docente che deve andare a farsi il tampone e prendere subito servizio a scuola “ci vuole tempo e si prenderà servizio tardi.

Ma io, Stato, gli pago il tampone, l’intera giornata (perché il tempo perso per il tampone è assenza giustificata) e la classe ha perso ore di scuola”.

L’Anp conferma l’appoggio al green pass obbligatorio e ribadisce di essere pronta a firmare il protocollo, se lo stesso viene corretto.

Quanto ai controlli dei green pass, Giannelli chiede che avvenga online e “far dialogare il sistema informatico dell’Istruzione con l’anagrafe vaccinale delle Asl. In tal modo i controlli li possono fare le segreterie scolastiche on line”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur