Tagli, concorso e finanziamento scuole: gli argomenti che il Ministro ha affrontato da Fazio

di redazione
ipsef

red – Questa sera il Ministro Profumo è intervenuto durante trasmissione di Fabio Fazio "Che tempo che fa", dove ha affrontato alcune delicate tematiche legate al mondo della scuola. Fazio ha aperto riferendosi alle infelici affermazioni del Premier Monti relative ad un presunto corporativismo degli insegnanti che si erano rifiutati di lavorare 2 ore in più per "liberare risorse". Risponde il Ministro, ma si affrontano anche altre tematiche, come il concorso.

red – Questa sera il Ministro Profumo è intervenuto durante trasmissione di Fabio Fazio "Che tempo che fa", dove ha affrontato alcune delicate tematiche legate al mondo della scuola. Fazio ha aperto riferendosi alle infelici affermazioni del Premier Monti relative ad un presunto corporativismo degli insegnanti che si erano rifiutati di lavorare 2 ore in più per "liberare risorse". Risponde il Ministro, ma si affrontano anche altre tematiche, come il concorso.

La difesa di Profumo del corpo docente è stata incondizionanta, lasciando intendere come poco aderenti alla realtà le affermazioni di Monti che tante polemiche hanno suscitato nel mondo della scuola.

"Si è rotto un meccanismo virtuoso, – ha affermato il Ministro dell’istruzione – il rapporto tra famiglie e docenti. Bisogna ricreare questa fiducia e stima nei docenti. I docenti sono trattati male da troppi anni, ci vule un programma pluriennale che analizzi tutti i problemi della scuola che devono essere affrontati di volta in volta".

Come si fa? Ha chiesto Fazio. Il dialogo non poteva non cadere sulla situazione finanziaria e i tagli che hanno caratterizzato le politiche scolastiche di questi anni. "Il problema è legato alla situazione finanziaria del paese – ricorda Profumo – e se non riusciamo a controllare il debito e lo spread non si può fare un piano. Le risorse da mettere in campo sono tante. Per cambiare qualcosa bisogna mettere in gioco risorse con tanti zeri e al momento non siamo in grado di farlo."

Il professore Salvatore Settis, che ha accompagnato il Ministro durante la trasmissione ha ricordato la necessità di trovare risorse, liberando inutili finanziamenti, come la TAV o affrontando seriamente una politica di lotta all’evasione fiscale. Il Professore ha ricordato che l’Italia, tra i paesi OCSE, è quello che in questi anni ha tagliato di più l’istruzione. Prendendo ad esempio gli ottimi risultati raggiunti sia da Finlandia che dalla Korea nel campo scolastico, il Professor Salvatore Settis ha evidenziato come la cosa che accomuna questi due paesi così distanti tra loro (culturalmente e geograficamente) si la dignità degli insegnanti, a partire dallo stipendio.

Affrontata anche la questione legata al concorso. "La legge – ha affermato Profuo – dice che ci sono due canali, le graduatorie e il concorso. Il cinquanta percento dei posti del turn over sono per uno e il cinquanta per l’altro. Bisogna avviare questo processo, con gradualità e in modo trasparente. Le persone devono essere in grado di poter pianificare la propria vita, fino ad ora ciò non non stato possibile. Il concorso va in questa direzione."

Versione stampabile
soloformazione