Tagli alle scuole in Sicilia? Pierro rassicura: “Nessun plesso scolastico sarà chiuso”

WhatsApp
Telegram

L’offerta formativa siciliana non subirà battute d’arresto. Giuseppe Pierro, direttore dell’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia, è intervenuto a fare chiarezza in merito alle preoccupazioni emerse dopo alcune dichiarazioni rilasciate durante un seminario tenutosi ad Enna, organizzato dalla Flc Cgil Sicilia. 

Pierro è stato categorico nel ribadire che “nessun plesso scolastico sarà chiuso”. Invece di parlare di riduzioni, il direttore sottolinea la volontà di avviare una “necessaria operazione di riassetto della rete scolastica siciliana”. L’obiettivo è quello di programmare un’offerta formativa più mirata, creando poli scolastici in grado di rispondere in maniera strategica alle diverse esigenze dei territori siciliani.

Uno sguardo ai dati attuali rivela una situazione di sottodimensionamento delle scuole siciliane rispetto agli standard nazionali. Aggiungendo alla situazione la marcata diminuzione della popolazione scolastica negli ultimi cinque anni (una perdita di oltre 50.000 studenti), emerge chiaramente la necessità di un intervento strutturale. Solo nell’ultimo anno, la Sicilia ha registrato un decremento di quasi 10.000 studenti.

Nonostante queste cifre, l’organico del personale didattico e amministrativo, sia tecnico che ausiliario (Ata), è rimasto invariato, assicurando la piena continuità didattica. Pierro ha inoltre condiviso una notizia positiva riguardo ai dirigenti scolastici: quest’anno 45 dirigenti che operavano in altre regioni d’Italia sono rientrati in Sicilia, quasi il doppio rispetto all’anno precedente. Questa mossa ha permesso di ridurre significativamente il numero di scuole gestite in reggenza.

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00