Tagli alla scuola tramite spending review? Più che una sensazione. M5S, il MIUR afferma di non sapere nulla

di redazione
ipsef

dp – Riceviamo un comunicato del Movimento 5 stelle Camera, con il quale vengono denunciati i possibili tagli all’istruzione che sono stati anticipati dalla nostra redazione. Si tratta del piano Cottarelli che taglierà sostegno, organizzazione edilizia, docenti inidonei e dimensionamento rete scolastica.

dp – Riceviamo un comunicato del Movimento 5 stelle Camera, con il quale vengono denunciati i possibili tagli all’istruzione che sono stati anticipati dalla nostra redazione. Si tratta del piano Cottarelli che taglierà sostegno, organizzazione edilizia, docenti inidonei e dimensionamento rete scolastica.

"Abbiamo la spiacevole sensazione – afferma la nota del M5S – di trovarci di fronte a un bieco gioco delle parti, consumato sulla pelle del sistema di istruzione. Da un lato trapelano notizie sui tagli che potrebbero essere realizzati attraverso la spending review dal commissario Cottarelli, dal’altra il Miur afferma di non sapere nulla a tal proposito, e scarica il barile"

"Se – affermano i deputati – a questo si aggiunge che al Miur, rispetto a tali indiscrezioni, sembrano cadere dalle nuvole, abbiamo un quadro che prospetta o malafede, o dilettantismo.Dopo le voci su sui tagli relativi al dimensionamento delle scuole, l’edilizia scolastica, gli insegnanti inidonei, il finanziamento dell’università e ricerca, l’ultima sirena d’allarme arriva dalle colonne de il Fatto, che parla di una riduzione del numero degli insegnanti di sostegno, i quali erano stati aumentati di 26 mila unità, in tre anni, nel recente Decreto Istruzione. Aumento che però è solo sulla carta, dal momento che negli ultimi anni i piani triennali di assunzione non sono mai stati rispettati. Ci domandiamo: per il caso il Mef prevede unridimensionamento delle assunzioni già rispetto a queste immissioni in ruolo?"

"Tra l’altro – aggiungono -, proprio in occasione della discussione sul Decreto Istruzione, in commissione
Cultura, avevamo posto l’attenzione sul fatto che l’aumento degli insegnanti di sostegno, portati a un totale di 90 mila, includesse elementi di incertezza. Dal provvedimento, infatti,  restavano esclusi circa 20 mila docenti di supplenza. A questo punto ci chiediamo se saranno loro, i non stabilizzati, i più deboli, i primi ad essere sacrificati sull’altare della spending review."

Le nostre anticipazioni

Spending review ed edilizia scolastica. Nessun taglio, si punta alla razionalizzazione degli attori coinvolti: su 349 mln, spesi soltanto 98

dp – Nel testo in nostro possesso sulla "Revisione di spesa" di Cottarelli, i cui contenuti abbiamo ampiamente divulgato, compare anche la voce "Edilizia scolastica". Di cosa si tratta, quale ambito verrà toccato?

Spending review e taglio 800 scuole. Nel mirino: Campania, Sicilia, Basilicata e Calabria

red – La commissione ministeriale per la Spending review dovrà elaborare un nuovo piano di ridimensionamento della rete scolastica. Mef chiede un ridimensionamento di ben 800 scuole. Quali aree del paese saranno interessate?

Sostegno e Spending review: dove sarà tagliato. Nel mirino il rapporto tra docenti e alunni
dp – Il piano Cottarelli di revisione della spesa pubblica riguarderà anche la scuola. Ne abbiamo dato notizia per primi la settimana scorsa. Tre le voci anche i docenti di sostegno. Vediamo cosa sarà tagliato

Tagli alla scuola. Il Ministro protesta, noi vi pubblichiamo il documento. No a tagli su sostegno, inidonei ed edilizia

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare