Tabella valutazione titoli delle graduatorie ad esaurimento, si chiede cambiarla

di Lalla
ipsef

Lalla – Riportiamo ai nostri lettori l’interrogazione dell’On. Ciccanti, che proponeva di modificare, in occasione della creazione della fascia aggiuntiva alle graduatorie ad esaurimento (la procedura è in fase di attivazione) la tabella di valutazione dei titoli, anche per i docenti già inseriti nelle graduatorie ad esaurimento di III fascia. Determinata la risposta del Ministero, che non ha intenzione di modificare la tabella in quest’occasione, dato che le graduatorie rimangono chiuse e i docenti inseriti nella fascia aggiuntiva saranno collocati in base alla stessa tabella dei titoli già utilizzati per i colleghi nell’aggiornamento del 2011.

Lalla – Riportiamo ai nostri lettori l’interrogazione dell’On. Ciccanti, che proponeva di modificare, in occasione della creazione della fascia aggiuntiva alle graduatorie ad esaurimento (la procedura è in fase di attivazione) la tabella di valutazione dei titoli, anche per i docenti già inseriti nelle graduatorie ad esaurimento di III fascia. Determinata la risposta del Ministero, che non ha intenzione di modificare la tabella in quest’occasione, dato che le graduatorie rimangono chiuse e i docenti inseriti nella fascia aggiuntiva saranno collocati in base alla stessa tabella dei titoli già utilizzati per i colleghi nell’aggiornamento del 2011.

L’On. Ciccanti (UdCpTP) chiedeva che nella costituzione della fascia aggiuntiva delle graduatorie ad esaurimento, che il Ministero si appresta a costituire, fossero variati i punteggi assegnati ai titoli di studio di livello pari o superiore a quello che dà accesso alla graduatoria, agli attestati di frequenza di corsi di perfezionamento e al servizio prestato in scuole di ordine e grado diverso.

Il testo della risposta

"L’onorevole interrogante propone che vengano apportate alcune modifiche alla tabella di valutazione dei titoli della terza fascia delle graduatorie a esaurimento di cui all’articolo 1, comma 605, lettera c) , della legge n. 296 del 2006, al fine di attribuire un punteggio maggiore tanto ai titoli di studio di livello pari o superiore a quello che dà accesso alla graduatoria, quanto agli attestati di frequenza di corsi di perfezionamento e al servizio prestato in scuole di ordine e grado diverso.

Come è noto, tale tabella è stata approvata con decreto ministeriale n. 27 del 15 marzo 2007, integrato con successivo decreto n. 78 del 25 settembre 2007 ai soli fini dell’apposizione di una nota che equipara ad alcune tipologie di titoli conseguiti in Italia quelli rilasciati dagli Stati membri dell’Unione europea.

Sulla base dei punteggi previsti dalla stessa sono stati effettuati gli aggiornamenti delle graduatorie a esaurimento sia per il biennio 2009/2010 – 2010/2011, sia per il triennio 2011/2012 – 2012/2013 e 2013/2014, avendo disposto l’articolo 9, comma 20, del decreto-legge n. 70 del 2011, convertito dalla legge n. 106 del 2010, che a decorrere dall’anno scolastico 2011/2012 l’aggiornamento avvenga con cadenza triennale e non più biennale.

L’articolo 14, comma 2- ter , del successivo decreto-legge n. 216 del 2011, convertito con modificazioni dalla legge n. 14 del 2012, concernente «Proroga di termini previsti da disposizioni legislative», dopo aver ribadito che le graduatorie a esaurimento restano chiuse, ha individuato determinate categorie di docenti, che hanno conseguito l’abilitazione, da inserire in una fascia aggiuntiva alle predette graduatorie a esaurimento a decorrere dall’anno scolastico 2012/2013, fino all’aggiornamento previsto per il successivo triennio. Il Ministero si appresta ad avviare le procedure per l’attivazione di tale fascia aggiuntiva.

Ciò posto, un’eventuale modifica alla tabella di valutazione dei titoli per la terza fascia delle graduatorie ad esaurimento, come richiesto dall’onorevole interrogante, comporterebbe la valutazione ex novo di tutti i titoli già presentati dai docenti iscritti in graduatoria, e tale operazione determinerebbe conseguentemente uno stravolgimento dei punteggi a suo tempo attribuiti agli interessati, ledendo le aspettative derivanti agli stessi dalla posizione assunta nelle graduatorie.

Analogamente, al fine di uniformare il trattamento dei docenti della fascia aggiuntiva, si utilizzerà nei confronti di questi ultimi la medesima tabella, approvata con il decreto ministeriale n. 27 del 15 marzo 2007, già applicata ai docenti della terza fascia."

L’On. Ciccanti replicando, "si dichiara soddisfatto della risposta fornita dal rappresentante del Governo, molto puntuale, che sta tra l’altro a testimoniare come l’attuale Governo, pure se «tecnico», risponde pienamente al Parlamento, anche in sede di sindacato ispettivo, evadendo i numerosi atti di tale tipo che da tempo giacevano inevasi nei cassetti del precedente Governo".

Pertanto, nel periodo di vigenza delle graduatorie, 2011 – 2014, non è da ipotizzare alcuno stravolgimento dei punteggi, poichè questo potrebbe ledere la posizione dei docenti già inseriti.

Ciò non toglie che modifiche alla tabella dei titoli potrebbero essere apportate nell’aggiornamento delle graduatorie, previsto per il 2014, poichè la tabella è delegificata, ossia è di competenza del Ministero, che opera di concerto con le Organizzazioni sindacali.

Ricordiamo quali sono le categorie di docenti che si apprestano ad essere inseriti nelle fascia aggiuntiva delle graduatorie ad esaurimento

La nuova fisionomia delle graduatorie ad esaurimento. Respinta proposta della Lega per loro abolizione

Versione stampabile
anief anief
soloformazione