Survey Global Nielsen. Per gli italiani la scuola non è poi così malandata

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Sono stati pubblicati i dati rilevati da un’indagine sui temi dell’istruzione realizzata da Nielsen in 58 paesi. Lo scrive il Corriere della Sera in un articolo.

Dallo studio emerge che, in fin dei conti, gli italiani hanno ancora fiducia nella scuola.

GB – Sono stati pubblicati i dati rilevati da un’indagine sui temi dell’istruzione realizzata da Nielsen in 58 paesi. Lo scrive il Corriere della Sera in un articolo.

Dallo studio emerge che, in fin dei conti, gli italiani hanno ancora fiducia nella scuola.

Per il 46% di essi l’educazione scolastica influisce positivamente sulla ricerca di un’occupazione: una percentuale superiore sia alla media europea (ferma al 41%) sia alla media globale (43%). La formazione è, dunque, considerata molto importante per entrare a far parte del mondo del lavoro.

Ma non sembra influenzare il percorso di carriera né il livello delle retribuzioni. Solo il 13% degli italiani (contro il 22% degli europei e il 32% del totale global) pensa che l’istruzione serva a guadagnare di più.

Servirebbero piuttosto l’effettiva capacità di mettere in pratica le conoscenze acquisite oppure le competenze relazionali.

Inoltre il 34% degli italiani sostiene che le strutture per l’educazione primaria e secondaria di primo grado presenti nelle proprie zone di residenza siano eccellenti.

Lo stesso vale per le superiori: il 31% degli italiani  reputa addirittura  ottime quelle situate vicino a casa.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare