Supplenze Trento, istituzione elenchi insegnamento CLIL

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La provincia autonoma di Trento ha approvato la delibera relativa alle modalità di istituzione ed articolazione degli elenchi per il conferimento di incarichi a tempo determinato per l’insegnamento di discipline non linguistiche in lingua straniera con modalità CLIL.

La delibera riguarda anche le modalità di conferimento degli incarichi.

Gli elenchi sono distinti per lingua straniera (tedesco e inglese) e, per ciascuna classe di concorso, sono suddivisi per insegnamenti di scuola secondaria di primo e secondo grado. Sono, inoltre, suddivisi in tre sezioni:

a) sezione A: docenti abilitati in possesso di certificato finale del Corso di perfezionamento in “Metodologia CLIL” secondo la normativa statale vigente (Decreto Direttoriale n. 6 del 16 aprile2012);

b) sezione B: docenti abilitati in possesso di certificazione metodologia CLIL conseguita presso l’Istituto provinciale per la ricerca e la sperimentazione educativa (Deliberazione della Giunta provinciale n. 296 del 2 marzo 2015) ed in possesso in una delle lingue straniere previste dal “Piano trentino trilingue” di certificazione linguistica corrispondente almeno al livello B2 per le scuole secondarie di primo grado e C1 per le scuole secondarie di II grado, del QCER “Quadro europeo di riferimento per le lingue”, certificata da soggetti qualificati come previsto dal decreto del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca del 7 marzo 2012; Per i docenti che hanno conseguito la certificazione metodologica a seguito di frequenza di corsi IPRASE indetti per l’a.s. 2015/2016 la certificazione linguistica si intende accertata ed assorbita dalla predetta certificazione;

c) sezione C: docenti abilitati in possesso di competenza in una delle lingue straniere come previsto dal “Piano trentino trilingue” corrispondente almeno al livello C1 del QCER “Quadro europeo di riferimento per le lingue” certificata da soggetti qualificati per il rilascio delle certificazioni così come previsto dal decreto del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca del 7 marzo 2012. Per la sola lingua tedesca è considerato anche l’ Attestato di Bilinguismo A rilasciato dalla Provincia Autonoma di Bolzano. Le certificazioni ed i titoli di cui alla presente sezione devono essere stati conseguiti da non più di 5
anni dalla data di presentazione della domanda.

La delibera

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione