Supplenze su sostegno: in Sicilia altre 657, salgono a 5718 i posti in deroga. Vediamo dove

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A fronte di 11.506 posti in organico di diritto, in Sicilia ci sono ben 5.718 posti in deroga per il sostegno.

Di questi ben 4.872 erano noti già al momento di costituzione degli organici (Completamento esecuzione Sentenze TAR, Posti Deroga ex Sentenza n. 80 Corte Costituzionale, Nuove Certificazioni) ma continuano ad essere mantenuti come posti da assegnare a supplenza, piuttosto che trasformarli in organico di diritto. Ad essi si sono aggiunti 189 posti assegnati il 25 agosto, e ben 657 assegnati il 12 ottobre.

La distribuzione dei nuovi posti vede in testa Catania con 185 posti, seguita da Palermo con 130 e Messina 101. Le altre province vanno dagli 80 di Agrigento agli 8 di Enna.

Dunque un numero altissimo di posti ancora assegnato ai supplenti.

La Buona Scuola ha fallito – commenta il sindacato Anief – l’attuazione della Legge ha mantenuto, infatti, un posto su tre al personale precario. Lo stesso sindacato fa un excursus dei provvedimenti che si sono succeduti senza trovare una soluzione

Sostegno disabili. Anief: tutto sbagliato, tutto da rifare. La qualità dell’insegnamento rimane una chimera

Sostegno, non un’ora di meno. Il presidente Anief, Marcello Pacifico, ha scritto in questi giorni alle scuole e alle famiglie, rilanciando l’iniziativa “Sostegno: non un’ora di meno!” : “l’obiettivo – scrive il sindacalista autonomo- è ottenere il rispetto del diritto allo studio e all’integrazione scolastica dei nostri figli e dei nostri alunni che, attraverso certificazioni idonee, devono ottenere quanto previsto dalle normative vigenti a loro tutela”. I genitori, guidati dai referenti Anief, potranno richiedere la documentazione utile per presentare ricorso: “tutti i docenti, gli ATA e i Dirigenti Scolastici possono partecipare attivamente alla nostra iniziativa informando le famiglie”.

Su questi posti avevano posto l’attenzione anche i docenti con titolarità in province diverse da quella di residenza, soprattutto se al nord, richiedendo di reiterare la norma che lo scorso anno permise l’assegnazione provvisoria su posti di sostegno anche a docenti senza titolo. Norma che fece molto scalpore tra le famiglie e le associazioni di categoria, anche se poi nella realtà, in mancanza di personale specializzato, i posti vengono comunque assegnati a docenti privi del titolo specifico.

Scarica il file dei nuovi posti in deroga con la ripartizione per provincia

Scarica nota dell’USR

Versione stampabile
anief
soloformazione