Supplenze sostegno: la mamma del bambino con disabilità alle convocazioni per riavere lo stesso insegnante dell’anno precedente

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La mamma di uno studente disabile ha deciso di andare alla convocazione per riavere la stessa docente dello scorso anno.

Alla convocazione la signora ha lanciato un appello un attimo prima che iniziasse la procedura di assegnazione. Senza un regolamento è inapplicabile la legge sulla continuità per il docente di sostegno da un anno all’altro, afferma la donna e nel suo appello ha chiesto che nessuno alla convocazione prendesse la cattedra della scuola di suo figlio, perché potesse ritornare il docente dello scorso anno, cosa che è successa, tra gli applausi generali. Un piccolo grande gesto dei colleghi che ha permesso al ragazzino di poter essere sostenuto dal suo docente.

Ma non è l’unica mamma che lotta in questo senso per il proprio figlio: alcune devono portarlo fuori dalla scuola anzitempo per mancanza di assistenti comunali, che possano essere lì per il tempo pieno. La lotta continua ed è quotidiana.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione