Supplenze sostegno a docenti ITP diplomati. Il Provveditore: rispettiamo la normativa, ma è inadeguata

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I docenti laureati di III fascia si recano dal Dirigente dell’Ufficio Scolastico di Verona per presentare il loro problema, ossia le mancate supplenze per l’a.s. 2017/18. Supplenze assegnate ai colleghi ITP diplomati, in forza dell’inserimento in II fascia da parte del TAR.

Una situazione di cui, a livello politico, si è occupata l’On. Pannarale (Sinistra Italiana) che la definisce ”

Una intollerabile vicenda ai danni di ragazzi e ragazze disabili ai quali, in mancanza di docenti specializzati sul sostegno, vengono assegnati insegnanti con il solo possesso di diploma di istituto tecnico o professionale”.

“La ministra Fedeli – prosegue l’esponente della Sinistra – ponga fine a questa scandalosa vicenda e mostri rispetto per gli studenti con disabilita’ e le loro famiglie. Lo faccia per la professionalità dei docenti e per la qualità del sistema di integrazione scolastica”.

Per il Provveditore Quaglia si tratta di “vittime del quadro nazionale che ha prodotto questi effetti. L’ufficio Scolastico non può che far rispettare la normativa, ossia la circolare Miur che ha imposto l’inserimento dei docenti ITP ricorrenti in II fascia delle graduatorie di istituto.

“La scuola ormai è una delle poche realtà che assumono – prosegue il Provveditore – Ma è evidente che la normativa che la riguarda è ormai inadeguata alla complessità del sistema”

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione