Supplenze sostegno da graduatorie incrociate: come si calcola punteggio per classi di concorso coreutiche e strumento musicale. La FAQ

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A disposizione delle segreterie scolastiche la FAQ che permette di operare correttamente per la formulazione delle graduatorie incrociate ai fini dell’assegnazione di supplenze su posti di sostegno in caso di graduatorie esaurite.

La FAQ n. 11 chiarisce:

“Come si calcola il punteggio del sostegno per le graduatorie coreutiche e di strumento musicale nella scuola secondaria di I e II grado?

Il punteggio del sostegno è finalizzato ad uniformare l’accesso al sostegno degli aspiranti inclusi nelle graduatorie coreutiche e di strumento musicale alle altre graduatorie, scorporando il punteggio dei titoli artistici.

Tale valore sarà calcolato in automatico dal sistema decurtando dal punteggio totale ottenuto il punteggio dei soli titoli artistici (precedenti + nuovi).

Nel caso in cui la segreteria scolastica abbia ottenuto un punteggio del sostegno diverso da quello proposto dal sistema informativo dovrà:

a) assicurarsi che non si tratti di un errore della funzione che è possibile rimuovere effettuando una apposita segnalazione al numero verde;

b) inserire il punteggio risultante dalla valutazione effettuata autonomamente in un apposito campo, e sarà questo il punteggio con cui l’aspirante accederà agli elenchi del sostegno.”

Precisiamo che il meccanismo è sempre stato così, perché altrimenti il docente di strumento musicale si troverebbe avvantaggiato considerando che nella “normale” tabella dei docenti (riferita alle classi di concorso) ai fini della valutazione del punteggio non vi è la possibilità di valutazione dei titoli artistici, possibilità appunto prevista per i soli docenti di strumento musicale concorrenti fra loro.

Pertanto, anche ai fini dell’incrocio non può essere considerato il punteggio dei titoli artistici.

Supplenze su sostegno: esaurite le graduatorie, come si procede. MAD, elenchi incrociati, bando

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione