Supplenze, organico funzionale dovrà gestirne quasi 2milioni annue. Quale ruolo alle graduatorie d’istituto?

WhatsApp
Telegram

L'avvio dell'organico funzionale dovrà essere necessariamente contestuale al piano di assunzioni. Basterà a soppiantare completamente le supplenze dalle graduatorie d'istituto? Vediamo insieme i numeri e il possibile meccanismo.

L'avvio dell'organico funzionale dovrà essere necessariamente contestuale al piano di assunzioni. Basterà a soppiantare completamente le supplenze dalle graduatorie d'istituto? Vediamo insieme i numeri e il possibile meccanismo.

Piano di assunzioni e organico funzionale o di rete

Della riforma della scuola, al momento sono stati attuati tre punti attraverso la legge di stabilità:

  1. stanziamento di un miliardo di euro per il piano di assunzione di precari e vincitori/idonei al concorso, nonché per l'alternanza scuola-lavoro (3 miliardi per i prossimi due anni);
  2. abolizione degli esoneri e semiesoneri;
  3. abolizione delle supplenze brevissime.

Se il finanziamento per le assunzioni dovesse essere confermato in Parlamento (cosa molto probabile), si dovrà dare necessariamente avvio all'organico funzionale, altrimenti ci ritroveremmo circa 80mila docenti vaganti per i corridoi delle scuole. Dal momento che le immissioni in ruolo finanziate riguarderanno sia le cattedre vacanti che l'organico funzionale.

Organico funzionale e supplenze

Sull'argomento "organico funzionale" si è discusso molto, ovviamente sempre sul piano delle ipotesi possibili, sia per quanto riguarda le supplenze, sia per quanto riguarda la gestione degli incarichi.

Molti sono i dubbi e le ipotesi che circolano in rete. E' certo che non possono esserci risposte univoche, ma possibili ricostruzioni che si avvicinano ad una possibile realtà.

La gestione dell'organico funzionale (parliamo di circa 60mila insegnanti) in funzione delle supplenze brevi (considerate tali dal governo fino a 30 giorni) per primaria e infanzia, non pone certo problematiche data l'assenza della distinzione in classi di concorso. C'è, inoltre, da dire che, in alcuni periodi dell'anno, il 90% delle supplenze annuali viene assorbito dalla primaria, mentre a regime si aggirano intorno al 75%, di conseguenza si può già ipotizzare un uso intensivo dell'organico funzionale, al pari delle graduatorie per le supplenze.

Per il restante quantitativo di supplenze brevi che va dal 10 al 25% riguardati le scuole secondarie, la questione potrebbe apparire più complicata. Infatti, se si considera l'assegnazione di un organico funzionale alla singola scuola, è chiaro che se ci troviamo davanti all'assenza di un docente di educazione tecnica e alla scuola sono stati assegnati docenti di inglese, francese e musica, ci troveremmo davanti ad un problema da risolvere.

Se, invece, come probabile, si tratterà di organico di rete, quindi di più insegnanti assegnati a più scuole, la possibilità di trovare un sostituto della stessa materia diventa molto più agevole. Il contingente impiegato sarà, in questo caso, di 20mila unità che dovranno coprire circa 31.500 supplenze annue nella secondaria di primo grado e circa 35.700 nella secondaria di secondo grado.

Senza dimenticare, poi, che le graduatorie d'istituto di seconda fascia non saranno abolite e si potrà continuare ad attingere per le supplenze. L'avvio dell'organico funzionale non soppianterà le graduatorie degli abilitati, proprio per le sostituzioni.

Stesso discorso vale per le sostituzioni dei collaboratori del Dirigente per i quali è stato abolito l'esonero e il semiesonero nella legge di stabilità.

Seguici su FaceBook. Lo fanno già in 148mila

I numeri da gestire

In un anno scolastico sono circa 1milione e 800mila le supplenze brevi (fino a 30 giorni) che vengono assegnate, coinvolgendo circa 112mila docenti per un costo di circa 20mila supplenti annuali. Supplenze che, come dicevano, si concentrano soprattutto nella scuola primaria.

Queste sono le cifre che si vuol far gestire all'organico funzionale, se è vero che il Governo ha intenzione di attingere dalle graduatorie d'istituto per "pochissimi casi"; citiamo il testo delle linee guida.

Sarà possibile? Dai piani alti le idee sembrano chiare, molto meno dai piani bassi. Certo è che il nuovo sistema non potrà soppiantare completamente le esigenze delle supplenze brevi. Il piano del Governo non cita, inoltre, le supplenze oltre i 30 giorni, che si può ipotizzare saranno coperte dalle graduatorie d'istituto.

Solo ipotesi e tempistica

C'è da precisare che al momento qualsiasi interpretazione non può che porsi sul piano delle ipotesi, ma di una cosa possiamo essere certi, se si vorranno attuare le 150mila immissioni in ruolo, si dovrà avviare l'organico funzionale, con la necessità di un suo immediato impiego e trasformazione di molti funzionamenti che in questi anni hanno caratterizzato la scuola, dalle supplenze alle nuove regole per la mobilità. Altrimenti i piani alti si troveranno a gestire problemi irrisolvibili.

Legge Stabilità e scuola: dalle immissioni in ruolo ai tagli, tutto il contenuto del testo

Tutto sulla riforma

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario infanzia e primaria incontri Zoom di supporto al superamento della prova scritta. Affidati ad Eurosofia