Supplenze, nessun rinvio aggiornamento GPS: il Ministero apre alla procedura già quest’anno. La trattativa con i sindacati prosegue

WhatsApp
Telegram

Il Ministero insiste per un aggiornamento triennale in parallelo alle Gae, riferisce l’Anief, che ha partecipato all’incontro odierno.

Nei giorni scorsi il Ministro aveva infatti portato al tavolo la necessità di un rinvio dell’aggiornamento Gps, che aveva portato molte critiche non solo sindacali ma anche di natura politica.

Il testo presentato in precedenza dall’amministrazione presenta alcune novità.

In attesa di capire se saranno definitive, ricordiamole:

Eliminazione, a partire dall’a.s. 2023/24, delle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) di II fascia della scuola dell’infanzia e della primaria al momento costituite dai laureandi in Scienze della Formazione Primaria;

Conferma, a partire dall’a.s. 2022/23, della procedura esclusivamente online per il conferimento delle supplenze al 31/8 e 30/6 dalle Graduatorie ad Esaurimento e da quelle Provinciali;

Nuove regole sugli effetti relativi alle rinunce e agli abbandoni del servizio, a partire già dall’a.s. 2022/23, in cui è anche prevista la cancellazione dalle relative graduatorie per tutto il periodo di vigenza delle stesse;

Nella scuola di I e II grado ripristino, già dall’a.s. 2022/23, della possibilità per il supplente di partecipare all’assegnazione degli spezzoni pari o inferiori alle 6 ore nella scuola in cui è già in servizio.

La posizione Anief

Anief in un comunicato stampa, ribadisce la necessità di riportare alla annualità tutte le operazioni come per le immissioni in ruolo e di pubblicare, comunque, il quadro delle disponibilità per il conferimento degli incarichi da GAE e da GPS sul sito internet istituzionale di ogni ufficio scolastico territoriale tassativamente prima dell’avvio delle operazioni di individuazione degli aspiranti in presenza ovvero tramite procedura informatizzata.

Diverse sono le richieste tecniche di modifica del regolamento proposte dal segretario generale Anief Giuseppe Faraci che ha partecipato all’incontro appena concluso.

Nell’ordine, di seguito le principali e più importanti richieste di Anief, presentate oggi nel corso dell’incontro:

– di poter presentare domanda di inserimento sia nella prima fascia delle graduatorie d’istituto, sia nelle GPS di prima e seconda fascia anche e per tutte le classi di concorso per le quali l’aspirante risulti già inserito in GaE;

– di consentire ai docenti che maturano la terza annualità di servizio su posto di sostegno nell’anno scolastico in corso di presentazione delle istanze l’inserimento nella seconda fascia di sostegno delle GPS sostegno.

– di consentire all’aspirante, in caso di comprovato malfunzionamento, l’invio dell’istanza cartacea di inserimento/aggiornamento/permanenza;

– di portare da 15 a 30 giorni il limite temporale di presentazione delle istanze.

– di poter sostituire il titolo di accesso, se conseguito successivamente al precedente inserimento, con altro nuovo titolo di accesso più favorevole.

– di prevedere la pubblicazione di graduatorie provvisorie e la possibilità di presentare reclamo entro 5 giorni, da inviare al dirigente dell’ambito territoriale della provincia di interesse. Valutati i reclami, di pubblicare entro i successivi 20 giorni, le GPS e le graduatorie d’istituto definitive, avverso le quali è ammesso ricorso al competente T.A.R. entro 60 giorni oppure ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni.  

– di innalzare il limite delle venti scuole a trenta, ai fini della costituzione delle graduatorie di istituto per la copertura delle supplenze brevi e saltuarie. 

– di effettuare nomine da GaE e GPS anche in presenza e non esclusivamente in modalità informatizzata, sino a completo esaurimento delle disponibilità e/o di incapienza delle GAE o delle GPS e fino al 31 dicembre dell’anno scolastico di riferimento.

– di non cambiare le regole su sanzioni per rinuncia e/o abbandono dell’incarico assegnato. In caso di rinuncia la o mancata presa di servizio per un incarico già assegnato la sanzione deve valere solo per quella stessa classe di concorso. Così come la sanzione per abbandono deve valere solo per l’anno scolastico in corso.

– consentire all’aspirante destinatario di incarico di raggiungere la sede per la presa di servizio effettiva oltre le 24 ore, se l’aspirante risiede in provincia diversa da quella da cui proviene la proposta di supplenza, e comunque non meno del tempo minimo necessario.

Il Ministero insiste per un aggiornamento triennale in parallelo alle Gae, riferisce l’Anief, che ha partecipato all’incontro odierno.

Nei giorni scorsi il Ministro aveva infatti portato al tavolo la necessità di un rinvio dell’aggiornamento Gps, che aveva portato molte critiche non solo sindacali ma anche di natura politica.

Il testo presentato in precedenza dall’amministrazione presenta alcune novità.

In attesa di capire se saranno definitive, ricordiamole:

Eliminazione, a partire dall’a.s. 2023/24, delle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) di II fascia della scuola dell’infanzia e della primaria al momento costituite dai laureandi in Scienze della Formazione Primaria;

Conferma, a partire dall’a.s. 2022/23, della procedura esclusivamente online per il conferimento delle supplenze al 31/8 e 30/6 dalle Graduatorie ad Esaurimento e da quelle Provinciali;

Nuove regole sugli effetti relativi alle rinunce e agli abbandoni del servizio, a partire già dall’a.s. 2022/23, in cui è anche prevista la cancellazione dalle relative graduatorie per tutto il periodo di vigenza delle stesse;

Nella scuola di I e II grado ripristino, già dall’a.s. 2022/23, della possibilità per il supplente di partecipare all’assegnazione degli spezzoni pari o inferiori alle 6 ore nella scuola in cui è già in servizio.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur