Supplenze nella scuola di infanzia e primaria: dovrebbe essere affidate solo a laureandi o laureati in Scienze della formazione primaria. Lettera

WhatsApp
Telegram

Alla spettabile redazione di Orizzontescuola.it, sono Andrea Gabossi, laureando in Scienze della Formazione Primaria presso “Università Cattolica del Sacro Cuore”. Vi scrivo per porVi un problema che riguarda il mondo della scuola e, in modo particolare, la professione di maestro e di maestra di scuola dell’Infanzia e Primaria.

Io, e alcuni degli studenti di SFP della sede di Brescia, troviamo profondamente ingiusti alcuni dei criteri che regolano le assunzioni dei supplenti tramite le MAD.

Ingiusti nei confronti del mestiere che ci attende, per il quale è necessario il titolo di “Dottore in Scienze della Formazione Primaria”.

Nella nostra esperienza personale da studenti universitari, ci troviamo quotidianamente a lavorare, nelle scuole dell’Infanzia e nelle Primarie, con colleghi che non possiedono né la laurea in SFP né sono laureandi in SFP.

Constatare che la conduzione dell’attività didattica viene affidata, grazie agli attuali criteri, anche a studenti laureandi o laureati in corsi di laurea diversi dal nostro, grazie alle MAD, non ci fa sentire rispettati come studenti di SFP e come futuri maestri e maestre.

Non siamo contrari alle MAD. Esse rappresentano un’opportunità per entrare nel mondo della scuola come supplenti e mettere in pratica quanto appreso sui libri e nei tirocini universitari.
Tuttavia, è necessario che vi sia un criterio, una regola che permetta l’accesso nelle scuole d’Infanzia e nelle Primarie, in qualità di supplenti, ai SOLI laureandi o laureati in SFP.

Ho scritto questa mail a nome di studente di SFP e di futuro maestro. Non sono l’unico a pensarla in questo modo.

Anzi, credo invece che tutti dovremmo pensarla “in questo modo”, dall’opinione pubblica alle istituzioni perché, in caso contrario, il corso di laurea in SFP non ha senso di esserci.

In conclusione, preciso che ho scritto alla redazione di “Orizzontescuola” per fare presente il problema nella SPERANZA che si giunga presto a una soluzione a livello nazionale.

Grazie a Voi e alla redazione della Gentilezza.
Cordiali saluti.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito