Supplenze. Movimento abilitati sostegno: Faraone ha assicurato che specializzati siciliani lavoreranno tutti

Stampa

Si è svolto l’1 settembre  l’incontro con il Sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone presso la Prefettura di Catania.

Si è svolto l’1 settembre  l’incontro con il Sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone presso la Prefettura di Catania.

Faraone ha incontrato le delegazioni delle GAE e la delegazione degli abilitati su sostegno; questi ultimi, a seguito dell’accordo siglato tra sindacati e U.S.R Sicilia (C.I.R) che dispone l’assegnazione dei posti in deroga del sostegno a docenti non specializzati, hanno chiesto maggiori garanzie circa il loro futuro.

Il coordinatore regionale del Movimento Nazionale abilitati  Sostegno Giusy Gammacurta dichiara:

“ Siamo soddisfatti dell’incontro avuto con il sottosegretario Faraone , il quale ci ha confortati circa le nostre sorti. In primo luogo durante l’incontro si è discussa la gravosa vicenda degli accantonamenti dei posti per gli specializzati su sostegno di ogni ordine e grado, compresi gli specializzati già inseriti nelle graduatorie ad esaurimento. A tal riguardo Faraone ha rassicurato noi tutti dichiarando che il M.I.U.R ha il monitoraggio completo sulla vicenda e che gli abilitati per questo anno, in Sicilia,  lavoreranno tutti.

Non solo abbiamo chiesto a gran voce il divieto assoluto a Pas abilitanti al sostegno per questi docenti. La specializzazione per le attività di sostegno è e deve rimanere un percorso universitario così come previsto dalla legislazione vigente perché non si può giocare con la vita degli alunni disabili.

Sempre nella giornata dell’1 settembre  si è aperta una trattativa circa la possibilità di permette agli abilitati inclusi nella seconda fascia delle Graduatorie di Istituto, la possibilità di concorre agli incarichi a tempo determinato su ambiti territoriali e non su 20 Istituzioni Scolastiche; in tal modo si aprirebbero più opportunità di lavoro.

Altro problema affrontato inerisce alle MAD la cui regolamentazione è alquanto indubbia. Per tale ragione, il sottosegretario faraone mi ha messo in contatto con il MIUR per addivenire ad una univoca interpretazione del regolamento sulle messe a disposizione entro la prossima settimana al fine di garantire a tutti coloro che sono in possesso di titolo di poter inoltrare le stesse entro l’inizio dell’anno scolastico.

Infine, è in corso una serrata trattativa con l’impegno da parte del governo di istituire un tavolo tecnico per addivenire a soluzioni che possano garantire continuità educativa e riduzione del precariato.

La scuola necessita di soluzioni pratiche che vadano incontro alle esigenze di tutti gli alunni e di insegnanti competenti e stabili; non si può prescindere dall’idea di continuità educativa tanto decantata ed auspicata sia dalla legge 107/2015 che dalle Indicazioni Nazionali per il Curricolo del 2012. Tale continuità passa attraverso la stabilizzazione dei docenti specializzati precari.

Continueremo a dialogare con il Governo, siamo un gruppo coeso ed unito da un obiettivo comune, garantire l’inclusione e la continuità educativa ai nostri meravigliosi e speciali alunni.

Palermo, 01/09/2016

Movimento Nazionale abilitati Sul Sostegno

I coordinatori
Giusy Gammacurta, Ernesto Ciraci

Stampa

Il nuovo programma di supporto gratuito Trinity per docenti di lingua inglese