Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Supplenze, convocazioni: la scuola “mi salta” perché sono in isolamento fiduciario

Stampa

L’attribuzione delle supplenze non può essere inficiato dall’emergenza sanitaria in atto. Nessuna disposizione del Ministero autorizza le scuole a non prendere in considerazione la disponibilità di un docente che non può prendere servizio immediatamente, per ragioni legate al Covid o per altre e diverse ragioni tutelate dalla normativa.

Un nostro lettore scrive

Il giorno 07 ottobre mi ha convocato una scuola per una cattedra annuale, è stata presa la persona prima di me.
Il giorno 9 ottobre, mi ha contattato la stessa scuola chiedendomi se ero ancora disponibile ad accettare la cattedra.
Ho spiegato loro che dal giorno 8 ottobre ero in quarantena (fino al giorno 14 , in quanto il giorno 30 settembre sono stato vicino ad una persona risultata infetta dal 5 ottobre)
mi hanno risposto che non possono aspettare e che avrebbero chiamato un’altra persona
io ho tanto di certificato medico che attesta che devo fare l’isolamento fiduciario, sto bene, ho  fatto il sierologico ed il tampone, tutti e due negativi.

volevo sapere se la scuola si può rifiutare di non accogliere la mia disponibilità ad accettare la cattedra, io risulto come in malattia con tanto di certificato medico.”

Isolamento fiduciario = malattia

Il Ministero ha già precisato nella circolare sulle supplenze diramata il 5 settembre 2020 “E’ inoltre estesa al personale a tempo determinato la possibilità di differire la presa di servizio per i casi contemplati dalla normativa (es. maternità, malattia, infortunio, ecc….).

Ricordiamo la normativa che regola il differimento della presa di servizio per il personale assunto a tempo indeterminato estesa dalla nota Miur anche al personale assunto a tempo determinato.

L’art. 9 del DPR 3/1957 (richiamato dall’art. 560 del Dlgs 297/94) prevede che “ La nomina dell’impiegato che per giustificato motivo assume servizio con ritardo sul termine prefissogli decorre, agli effetti economici, dal giorno in cui prende servizio . Colui che ha conseguito la nomina, se non assume servizio senza giustificato motivo entro il termine stabilito, decade dalla nomina”.

Per tali casi, quindi, il differimento della presa di servizio comporta che il tempo che trascorre tra l’accettazione della supplenza e la effettiva presa di servizio (la mancata presa di servizio deve essere ovviamente giustificata) abbia validità solo giuridica e non economica (esclusi ovviamente particolari casi come la maternità o l’infortunio che perdura dopo una precedente nomina ai sensi dell’art. 20/3 del CCNL per i quali sono previsti da subito anche gli effetti economici).

Se, quindi, il docente interpellato per una supplenza o presente alle convocazioni accetti l’incarico ma non possa poi assumere servizio per un giustificato motivo (es. malattia, ricovero ecc.), avrà diritto comunque all’attribuzione della supplenza, ma dal momento che non assume effettivo servizio il contratto sarà valido ai soli fini giuridici. Gli effetti economici partiranno solo dopo l’effettiva assunzione in servizio.

Il difficile lavoro delle segreterie scolastiche

La segreteria scolastica ha risposto che “non possono aspettare” e ne comprendiamo le ragioni. Il fatto che a metà ottobre una cattedra annuale non abbia ancora il suo insegnante è sicuramente grave, ma questo non autorizza a ledere il diritto dei supplenti al corretto scorrimento della graduatoria.

La supplenza annuale deve essere assegnata infatti attraverso lo scorrimento della graduatoria. Se il docente destinatario della supplenza non può assumere servizio nei tempi prestabiliti, bisognerà attivare la procedura per una supplenza temporanea per il tempo necessario a coprire l’assenza del docente titolare della supplenza. Si tratta di procedure da esperire con tempi rapidi, ma necessarie a garantire il corretto funzionamento del sistema.

Docente supplente in quarantena: come e quando si prende servizio

Stampa
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.
Per le istituzioni scolastiche. Consulenza specifica e risposta garantita. Gratuitamente [email protected]

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa