Supplenze da Graduatorie di istituto: Anief chiede nomine congiunte da scuole polo

WhatsApp
Telegram

Prof.ssa Milena Manini, Presidente Regionale ANIEF Emilia Romagna – Il MIUR non può ignorare l’importanza delle nomine da Graduatoria di Istituto! ANIEF: subito “nomine congiunte” dei Dirigenti Scolastici per le GI.

Prof.ssa Milena Manini, Presidente Regionale ANIEF Emilia Romagna – Il MIUR non può ignorare l’importanza delle nomine da Graduatoria di Istituto! ANIEF: subito “nomine congiunte” dei Dirigenti Scolastici per le GI.

La stabilità del sistema scuola è un desiderio ancora irrealizzato, basta guardare a cosa accade alle graduatorie di Istituto.

I dati trionfali, snocciolati dal MIUR e dal Governo in merito al piano straordinario di assunzioni, non bastano! Qualcosa, nei numeri e nella gestione complessiva del sistema, non torna.

Sappiate, come si è sempre sospettato, che i più di 20000 docenti “arruolati” con le fasi 0, A e B non basteranno perché si dovranno coprire quest’anno 2015/16 anche tutte le cattedre e gli spezzoni al 30/6 che residueranno dai quadri organici delle scuole dopo le nomine da GAE.

E la sintesi è che la scuola degli investimenti e delle assunzioni è ancora malata di “Supplentite”! Perché per questi posti verranno chiamati gli stessi Precari abilitati delle Graduatorie di Istituto di seconda (e non abilitati di terza) tenuti ingiustamente fuori dalle Graduatorie ad esaurimento e dal Piano assunzioni Renzi. Fuori per una volontà politica che li vuole di nuovo “mettere a concorso”.

E non solo continuano ad esserci i Precari, ma esistono Precari di serie A e di serie B: quelli delle Graduatorie di Istituto che anche quest’anno saranno costretti all’incertezza della nomina a causa dell’ennesimo rinnovo delle Graduatorie di Istituto. Una prassi che quest’anno si è resa necessaria per l’inserimento dei nuovi abilitati TFA 2 ° ciclo e Sostegno.

Un aggiornamento che si sarebbe dovuto concludere entro agosto – settembre e invece, a causa degli ennesimi ritardi del MIUR e della gestione del sistema informatico, si protrarrà almeno fino al 20 di ottobre con l’ennesimo balletto di nomine “fino all’avente diritto”, cioè di docenti che accetteranno di andare in cattedra, di lavorare per alcuni mesi nelle scuole scelte e che poi verranno scalzati di nuovo dalle loro sedi per una seconda tornata di nomine a graduatorie aggiornate (ottimisticamente a fine ottobre, ma ragionevolmente, come è accaduto spesso, direttamente a dicembre o gennaio!)

Ma non andranno in cattedra solo per “supplenze brevi”, derivate cioè da esigenze temporanee e saltuarie, bensì per nomine annuali al 30/6!!

Il risultato sarà la mancanza di continuità didattica per gli allievi! Per ANIEF deve essere sempre messo al primo posto.

Pertanto ANIEF ha chiesto, e chiede, agli USR, agli AT e ai Dirigenti scolastici che si proceda a convocazioni congiunte, cioè uniche, in un’unica sede scolastica seguendo gli esempi virtuosi che già ci sono sul territorio nazionale ad esempio Livorno, Biella, Massa ecc.

Questo sistema garantirebbe una maggiore trasparenza nelle nomine per i docenti, un risparmio di lavoro enorme per segreterie scolastiche e Dirigenti e consentirebbe di ridurre il “balletto di cattedre” dei docenti al momento delle chiamate da Graduatorie di Istituto aggiornate.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito