Supplenze, Fratelli d’Italia: “Un terremoto l’algoritmo su assegnazione incarico”

WhatsApp
Telegram

“La scuola italiana patisce un algoritmo che si è rivelato l’ennesimo flop di un ministero che non ne azzecca una. Migliaia i supplenti precari danneggiati: non lavorano o hanno avuto una cattedra meno favorevole o con nomina ancora in corso. E questo avviene mentre ci sono classi in cui mancano i docenti. In pratica nella nostra scuola avviene un paradosso”. Lo dicono i deputati di Fratelli d’Italia, Ella Bucalo, Paola Frassinetti e Wanda Ferro.

A Milano, Napoli, Roma fioccano i reclami, proseguono le parlamentari, ma nel resto d’Italia la situazione non migliora. L’utilizzo di un algoritmo per attribuire le supplenze al 30 giugno e al 31 agosto ai docenti inseriti nelle GAE , nelle GPS di prima fascia, nell’ elenco aggiuntivo (docenti forniti di abilitazione) e nelle GPS di seconda fascia (docenti sforniti di abilitazione) ha creato un terremoto : avrebbe dovuto assegnare in automatico gli incarichi in base alle preferenze espresse in sede di presentazione della domanda e invece ha prodotto parecchi errori seriali nelle GPS, distribuendo cattedre a chi non doveva e lasciando a casa chi doveva essere in classe”.

Il ministro Bianchi intervenga tempestivamente per garantire i docenti che sono stati danneggiati, sia economicamente sia a livello professionale, da un algoritmo che nei fatti è risultato fallimentare. Per questo, oltre la Camera, presenteremo una interrogazione al Senato, affiancati dalla senatrice Drago“, conclude Fratelli d’Italia.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito