Supplenze Emilia Romagna, docenti con 36 mesi su posto vacante non assunti. Anief: bene, dovranno essere immessi in ruolo

Stampa

Anief – Il comportamento di alcuni dirigenti scolastici continua a preoccupare: è notizia di oggi che, interpretando in modo anomalo il comma 131 della Legge 107/2015, vi sono dei presidi a Cesena che stanno mettendo in “stand by” le nomine dei docenti, in attesa di chiarimenti da parte del Miur sul divieto di nomine di supplentiche abbiano raggiunto i 36 mesi di servizio su posti vacanti e disponibili, anche non continuativi, perché rappresentano la soglia temporale per essereassunti a tempo indeterminato nella pubblica amministrazione.

La rivista Orizzonte Scuola riporta, sulla base di quanto riferito dai docenti, che “i dirigenti in questione sostengono che la norma sia di interpretazione ambigua e che non ci siano le condizioni per l’assunzione di precari che abbiano già maturato 36 mesi di servizio su posti vacanti e disponibili. Di conseguenza ad alcuni docenti incaricati annuali di IRC, i quali erano soliti firmare il contratto a partire dal 1 settembre fino al 31 agosto, è stato chiesto di non partecipare ai lavori scolastici fino a quando non ci sarà un chiarimento. Lo stesso vale per altri docenti di altre classi di concorso e nelle medesime condizioni”.

“Quanto ci viene segnalato – continua la rivista – è certamente grave e deve immediatamente essere attenzionato dal Miur.L’Amministrazione ha, in effetti, già diramato il chiarimento atteso ma evidentemente continua a essere ancora ambiguo dal momento che, oggettivamente, sta dando luogo a interpretazioni diverse”. Quello che non dovrebbe essere messo in dubbio è chela norma della Buona Scuola fa “riferimento esclusivamente a posti vacanti e disponibili e le altre tipologie di supplenza non sono messe in discussione”.Infine, si sottolinea che “a rigore la norma non può essere retroattiva, anche perché tutte le obiezioni che sono state mosse a questo comma capestro hannoricevuto la rassicurazione che di fatto non sarà possibile applicarlo perché nel frattempo ci saranno i concorsi per l’assunzione”. Pertanto, il conteggiodei tre anni di supplenze dovrebbe partire dal 2016 e non prevedere servizi pregressi.

In ogni caso, secondo Anief il rifiuto dei dirigenti cesenati di stipulare contratti annuali non ha alcun fondamento giuridico.Prima di tutto perché il comma 131, art. 1, della Legge 107/2015 fa riferimento esclusivamente alle nomine annuali sino al 31 agosto. Solo che da quest’annoquelle cattedre, relative ai posti vacanti e disponibili, vanno assegnate esclusivamente a personale docente già di ruolo.

Ma secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, c’è di più: “ammesso pure che dei postid’insegnamento totalmente liberi vengano assegnati a un precario, c’è da accertare la motivazione del diniego. Se è vero, infatti, che il dirigentescolastico decide di stoppare i supplenti, poiché questi ultimi hanno superato tre anni di servizio anche noncontinuativo, come confermato nel novembre 2014 dalla Corte di Giustizia Europea, allora questi docenti non devono fare altro che chiamare con celerità la sede territoriale Anief a loro più vicina e avviare immediato ricorso per essere immessi in ruolo”.

Il nostro sindacato ricorda che è sempre possibile aderire ai ricorsi per ottenere ragione contro l’illegittima reiterazione di contratti a termine oltre i 36mesi di servizio e la corresponsione degli scatti di anzianità ai precari. Anche i docenti già immessi in ruolo possono ricorrere per ottenere gli scatti di anzianità mai percepiti durante il precariato e per ottenere la ricostruzione integrale e immediata della carriera computando per intero il servizio preruolo.

Il comma 131 dell’art. 1 della L. 107/15

A decorrere dal 1 settembre 2016, i contratti di lavoro a tempo determinato stipulati, con ilpersonale docente, educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario presso le istituzioni scolastiche ed educative statali, per la copertura di posti vacantie disponibili, non possono superare la durata complessiva di trentasei mesi, anche non continuativi.

9 settembre 2016

Ufficio Stampa Anief

www.anief.org

Stampa

Eurosofia. Acquisisci punteggio in tempi rapidi per l’aggiornamento Ata: corso di dattilografia a soli 99 euro. Iscriviti ora