Supplenze, come inviare Messa a disposizione modello [SCARICA]. No incarichi in due province diverse

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il personale docente precario, oltre che dalle graduatorie di istituto, può essere convocato per le supplenze tramite domanda di messa a disposizione.

MAD

La domanda di messa a disposizione è un’istanza presentata alle scuole (senza limitazioni, escluse alcune di cui parleremo di seguito), tramite la quale si “avverte”  della propria disponibilità per eventuali incarichi di supplenza.

Si ricorre alle MAD nel caso in cui le graduatorie di istituto siano esaurite, comprese quelle delle scuole viciniori.

Limitazioni

Le ultime due circolari sulle supplenze ha posto un limite per i docenti specializzati su sostegno: tali docenti possono presentare la domanda MAD per supplenze su sostegno, soltanto se non inseriti nelle graduatorie di istituto.

Un’altra limitazione è dettata dal regolamento sulle supplenze (DM 131/07), sulla base del quale non è possibile instaurare due rapporti di lavoro in due province diverse (quindi non si può completare l’orario di servizio in due province).

Modello

Pubblichiamo il modello di domanda di messa a disposizione elaborato dall’Ufficio Scolastico di Padova, che può essere modificato e personalizzato in base alle esigenze individuali.

Modello di domanda

NB: potrebbero esserci delle novità nella circolare sulle supplenze a.s. 19/20

Versione stampabile
anief banner
soloformazione