Supplenze docenti su spezzone e algoritmo: quando si ha diritto al completamento. Le condizioni

#insegnanti #dad

In queste settimane gli Uffici scolastici provinciali stanno pubblicando i bollettini con le nomine dei docenti per le supplenze da Gae e GPS nell’anno scolastico 2023/2024. Se n’è parlato in più occasioni del funzionamento del cosiddetto algoritmo che attribuisce le supplenze al 31 agosto o 30 giugno, ma dai docenti continuano ad arrivare agli Uffici scolastici segnalazioni di errori e diffide.

L’Ufficio di Cosenza ha pubblicato una nota quale riscontro a diffide, reclami e istanze di accesso agli atti.

La nota esplica in maniera chiara il funzionamento del sistema informatizzato, prendendo in esame alcune delle segnalazioni più frequenti. L’occasione è buona per comprendere anche meglio come avviene il completamento delle supplenze su spezzone.

Al punto 5 della nota si ricorda l’art. 12, c. 12, O.M. 112/22:

L’aspirante cui è conferita una supplenza a orario non intero in caso di assenza di posti interi conserva titolo, in relazione alle utili posizioni occupate nelle diverse graduatorie di supplenza, a conseguire il completamento d’orario, esclusivamente nell’ambito della provincia di inserimento, fino al raggiungimento dell’orario obbligatorio di insegnamento previsto per il corrispondente personale di ruolo, tramite altre supplenze correlate ai posti di cui all’articolo 2 a orario non intero, assegnate dagli uffici scolastici territorialmente competenti anche al di fuori della procedura informatizzata, secondo l’ordine delle preferenze espresse nell’istanza dall’aspirante. Nel predetto limite orario, il completamento è conseguibile con più rapporti di lavoro a tempo determinato da svolgere in contemporaneità esclusivamente per insegnamenti per i quali risulti omogenea la prestazione dell’orario obbligatorio di insegnamento prevista per il corrispondente personale di ruolo. Per il personale
docente della scuola secondaria il completamento dell’orario di cattedra può realizzarsi per tutte le classi di concorso, sia di primo che di secondo grado, sia cumulando ore appartenenti alla medesima classe di concorso sia con ore appartenenti a diverse classi di concorso. Il predetto limite vale anche per la scuola dell’infanzia e primaria”.

Completamento spezzone

Premesso quanto disposto dall’articolo di cui sopra, l’USP Cosenza spiega che l’aspirante che in turno di nomina precedente ha ottenuto incarico su spezzone ha diritto al completamento se e solo se si verificano le seguenti condizioni:

  • Lo spezzone è stato attribuito per mancanza di posti interi e non per soddisfacimento delle preferenze espresse in domanda;
  • Eventuali spezzoni che si rendono disponibili nei successivi turni di nomina sono compatibili con quanto indicato dall’aspirante nella propria domanda in riferimento alle classi di concorso ed alle sedi per il completamento. A titolo esemplificativo, il candidato che specifica completamento di spezzone su stessa cdc e/o stesso comune, non potrà ottenere individuazione su spezzoni presenti su cdc diversa da quella della prima assegnazione (neppure se abilitato e in posizione utile nella relativa graduatoria) o su comune differente.
  • Il completamento è possibile sino al raggiungimento dell’orario obbligatorio previsto per il corrispondente personale di ruolo. Pertanto, il docente che abbia ottenuto spezzone di 10 ore su cdc della scuola secondaria di secondo grado non potrà essere individuato su altro spezzone superiore alle 8 ore.
Exit mobile version